Tassi invariati all’1.50% per favorire la crescita

di Laura 1

Non ci sono state sorprese da parte della BCE: i tassi rimangono invariati all’1,50%, così come da aspettative, nella giornata di ieri il Consiglio direttivo della Bce in riunione ha deciso che questo sia il metodo giusto per favorire la crescita, che al momento stenta a decollare. Non hanno subito cambiamenti neanche i tassi sulle operazioni di rifinanziamento marginale e sui depositi presso la Banca centrale, rispettivamente rimasti al 2,25% e 0,75%. La Banca centrale europea non ha dettato un programma di riforme economiche al governo italiano.

A seguire poi la conferenza stampa con il Presidente dell’Eurotower Trichet, che interviene sulla situazione economico-politica europea: il numero uno della Bce rivela quelle che sono le stime di crescita dell’Eurozona, riviste al ribasso per i prossimi sei mesi. Il livello di incertezza é lo spettro che aleggia in questi ultimi mesi sia sulle borse europee sia nel sentiment degli operatori economici.

Le misure prese con la manovra italiana confermano una cosa che era molto importante per il consiglio direttivo, e cioè un primo impegno del governo italiano – ha poi voluto sottolineare Jean-Claude Trichet – abbiamo avuto recente dialogo con il presidente della Repubblica su quanto decisivo sia l’impegno e la realizzazione delle misure. Abbiamo la conferma dell’applicazione delle nostre richieste.Abbiamo inviato dei messaggi al Governo italiano, io e il Governatore della Banca d’Italia, Mario Draghi, abbiamo visto gli impegni iniziali del governo e poi un periodo difficile di dibattito. Ma le ultime decisioni prese dal governo e il voto in corso alle Camere stanno confermando che gli impegni iniziali sono stati rispettati. La manovra italiana è arrivata dopo alcune esitazioni, alcune complessità, alla fine si è visto qualcosa che va nella direzione dell’impegno iniziale Abbiamo insistito, e molto, sulla necessità di realizzare riforme strutturali nel lungo termine, un elemento chiave per liberare le forze economiche dei singoli Paesi.

Commenti (1)

Lascia un commento