Trimestrale Fiat in nero grazie a Chrysler

di ND82 Commenta

Fiat Spa ha evidenziato una trimestrale tutto sommato positiva grazie alla controllata americana Chrysler. Infatti, senza l’effetto positivo generato dal gruppo di Auburn Hills, il Lingotto avrebbe chiuso il bilancio del primo trimestre del 2012 con un passivo superiore ai 200 milioni di euro. L’importanza di Chrysler per i conti Fiat è palese, visto che la controllata americana incide per il 60% circa del fatturato, oltre il 100% dell’utile di gestione ordinaria e assorbe più del 60% degli investimenti. Tra l’altro l’amministratore delegato italo-canadese di Fiat (ma anche di Chrysler), Sergio Marchionne, ha dichiarato che quasi certamente verrà acquistato a luglio un altro 3,32% di Chrysler.

L’opzione di acquisto sarà esercitata dal fondo Veba ad un prezzo intorno ai 180 milioni di euro, che porterà Fiat a controllare il 61,8% di Chrysler. Intanto, Marchionne ha affermato che Fiat cerca un paterner strategico in Asia. Tornando alla trimestrale, il fatturato consolidato è sceso del 5,7% a 20,2 miliardi di euro (12,5 Chrysler, 8,7 Fiat).

PREVISIONI UTILI FIAT 2012

L’utile della gestione ordinaria è cresciuto a 866 milioni di euro da 251 milioni (quando non c’era ancora Chrysler), mentre l’ebitda è balzato a 1,93 miliardi di euro da 841 milioni. L’utile netto è salito a 379 milioni di euro dai 37 milioni dello stesso periodo dell’anno precedente.

VENDITE FIAT NEGLI USA +642% A MARZO 2012

Confermati poi i target per il 2012: giro d’affari a 77 miliardi di euro, utile di gestione tra 3,8 e 4,5 miliardi di euro, utile netto tra 1,2 e 1,5 miliardi. Un eventuale aggiornamento delle stime avverrà soltanto verso fine ottobre prossimo dopo i risultati del 3° trimestre. Ieri, però, S&P ha deciso di tagliare il rating di lungo termine di Fiat a “BB-” da “BB” con outlook “stabile”. Secondo l’agenzia di rating americana “Fiat continuerà a soffrire della sovracapacità industriale e del sottoutilizzzo dei siti produttivi europei nei prossimi anni”. Ieri in borsa il titolo è crollato del 5,13% a 3,738€. Atteso un nuovo forte calo anche questa mattina.

Lascia un commento