Alcatel verso cessione business cavi sottomarini

di Redazione Commenta

Stando a quanto riferiscono alcune voci molto vicine ai vertici societari, Alcatel Lucent sarebbe molto vicina a valutare la cessione del business dei cavi ottici sottomarini e di una divisione che si occupa di vendita di sistemi telefonici. La cessione non averrà comunque nel brevissimo termine, visto e considerato che il gruppo deve ancora individuare le banche che si occuperanno della vendita. Indiscrezioni più o meno attendibili segnalano la presenza di ben più di qualche operatore interessato all’acquisto degli asset.

Secondo quanto affermato dagli analisti di Goldman Sachs, sostiene Reuters “dalla vendita dei cavi sottomarini e della divisione di tlc AlcatelLucent potrebbe incassare fino a 400 milioni di euro. Una delle fonti ritiene che la valutazione degli asset sarebbe “molto più alta”, senza fornire ulteriori dettagli. Entro il 2015 Alcatel-Lucent dovrà fronteggiare scadenze sul debito per circa 2,2 miliardi di euro. Secondo le fonti francesi, la pattuglia dei potenziali compratori del business dei cavi ottici sottomarini (che impiega 700-800 persone in Francia) comprende la francese Nexans e l’italiana Prysmian”.

Proprio dai confini nazionali si esclude tuttavia che Prysmina possa essere in corsa per rilevare tale business: più volte l’amministratore delegato Valerio Battista ha affermato in merito che il gruppo è attualmente impegnato nel nel consolidamento dell’olandese Draka ed è disponibile a valutare soltanto acquisizioni di piccola taglia.

“Per quanto riguarda il business dei servizi di telefonia, le fonti francesi indicano come potenziali compratori la canadese Mitel e Siemens Enterprise Communications” – conclude infine l’agenzia di stampa – “Due fonti aggiungono che anche un altro asset, la vendita di di cavi e infrastrutture utilizzate nelle antenne per la telefonia mobile, sarebbe nella lista delle dismissioni”.

Continueremo a monitorare l’evoluzione della transazione che, per la sostanza e il controvalore degli asset, potrebbe essere una delle più “calde” dei prossimi mesi. Continuate a tenerci sotto controllo per non perdere una notizia su questa vicenda estremamente interessante per le parti in causa.

Lascia un commento