Bank of America salva Countrywide

di Redazione 1

Bank of America ha raggiunto l’accordo per acquistare Countrywide, il principale istituto americano che si occupa di mutui, per circa 4 miliardi di dollari in azioni. Countrywide ha accusato pesantemente la crisi mutui ed è arrivata vicina al fallimento. La notizia è stata data ufficialmente dalla stessa Bank of America con un comunicato diffuso su Pr Newswire.


Gli azionisti di Countrywide riceveranno 0,1822 azioni di Bank of America per ciascuna azione posseduta. L’offerta si rivela provvidenziale per il colosso dei mutui, in quanto lo salva dall’istanza di fallimento. La capitalizzazione di borsa si concluderà a giugno. La storia di Countrywide Financial si conclude quindi qui, dopo 39 anni di attività. Il buco era arrivato ad ammontare 11 miliardi. Dopo la diffusione della notizia le azioni dell’erogatore di mutui hanno registrato un ulteriore calo, perdendo il 15% a 6,62. L’acquisizione giunge dopo che nel mese di agosto BoA era entrata in possesso del 16% delle quote: il coinvolgimento di Countrywide nella crisi dei mutui però si era rivelato più pesante di quanto si pensasse inizialmente e l’operazione della BoA rischiava di diventare fallimentare.

La politica aggressiva di Countrywide la aveva portata al successo già negli novanta ed era stata una di quelle ad aver tratto maggiore beneficio dalla speculazione iniziata nel 2000. I rischi presi però si sono rivelati eccessivi e quando il prezzo delle case ha cominciato a calare ed i creditori hanno smesso di pagare il titolo è sceso dell’80%. La BoA acquista ora il gruppo ai saldi e solo il tempo potrà dire se ha fatto un affare. In uno scenario in cui all’interno del sistema bancario solo i più “forti” resisteranno, Bank of America sta cercando di approfittare della situazione per irrobustirsi: Fleet Boston Financial è entrata in suo possesso per 100 miliardi; stessa sorte per La Salle Bank e la Mbna.
via|Il Sole 24 ore

Commenti (1)

Lascia un commento