Piazza Affari: a luglio 2008 record di scambi. Protagonisti Etf ed Etc

di Chiara Ranallo Commenta

Nel mese di luglio 2008 a Piazza Affari e al London Stock Exchange è più che raddoppiato il valore degli scambi di Etf (Exchange Traded Fund ). Registrati, infatti, 140.452 contratti (+28% rispetto al luglio del 2007) per un controvalore pari a 8,8 miliardi di euro, con una crescita del 152% rispetto allo scorso anno. Dati record soprattutto se si pensa che si riferiscono ad un periodo in cui l’andamento delle Borse è stato contrassegnato da ribassi e vendite. La popolarità degli Etf, fondi indicizzati quotati, è dovuta alle loro peculiarità. Gli Etf, infatti, racchiudono le caratteristiche di un’azione e di un fondo, in quanto si riferiscono, come quest’ultimo, ad un paniere ampio di titoli ma allo stesso tempo sono flessibili e negoziati in tempo reale come le azioni. Tutto questo, e in particolare l’ampia diversificazione, riduce sensibilmente il rischio per gli investitori.


Nel mese di luglio proprio gli Etf e gli Etc hanno avuto la meglio a Piazza Affari. Nello specifico gli Etc ( Exchange Traded Commodities) sono stati i protagonisti degli scambi. Si tratta di particolari strumenti finanziari, rivolti prevalentemente ad investitori istituzionali ma accessibili anche al retail, ed emessi a fronte dell’investimento diretto dell’investitore nel settore delle materie prime. Il successo degli Etc è dovuto al fatto che l’investitore può scegliere di investire su una singola materia prima (oro, petrolio, gas, zucchero, soia, zinco, etc), cosa che non è possibile per gli Etf. A luglio 2008 a Piazza Affari, tra i migliori Etf/Etc ci sono i due Etf Db X-Trackers Dj euro Stoxx 50 short Etf, Db X-Trackers shortdax Etf e gli Etc Etfs Wti 2mth oil securities e Etfs Corn.  Tra i peggiori, invece, ci sono gli Etf collegati, esempio, all’andamento delle Borse asiatiche.