Allarme Metano Italia scongiurato

di Redazione Commenta

Buone notizie sul fronte Russo; secondo Gazprom l’allarme sulla fornitura di Gas verso certi Paesi Europei (tra cui l’Italia) sarebbe ormai cessato e non vi sono inoltre stati reali problemi durante gli ultimi giorni. Le preoccupazioni sono nate quando a causa del maltempo la domanda è salita considerevolmente andando oltre la portata effettiva per cui gli impianti di trasporto sono stati studiati; questo non ha causato però alcuno stop nella fornitura di metano, anche se secondo Scaroni questo potrebbe accadere Giovedì prossimo. Nel caso questo dovesse effettivamente accadere non si tratterebbe ancora di un’allarme generale visto che l’interruzione ricadrebbe su quei contratti particolari che accettano stop temporanei in cambio di sconti sulle bollette. Tutto secondo i programmi quindi, ed effettivamente il prezzo del Gas pur essendo lievitato non ha avuto rialzi esagerati.

Dal punto di vista grafico, prendendo in considerazione il future sul Gas Naturale, il prezzo da un bottom di 2.255 ha iniziato la sua salita il 23 Gennaio andando a sfiorare quota 2.80 per poi tornare a completare un doppio minimo. Attualmente le previsioni danno per Giovedì prossimo un aumento ulteriore della domanda ed è proprio quello il giorno in cui valuteremo un’eventuale break del doppio minimo per seguire la direzione che il mercato vuole prendere; nel caso di un’uscita rialzista (altamente improbabile) potremmo essere di fronte ad un cambiamento di medio periodo che punterà al recupero di quota 3.5 indipendentemente dalla domanda futura a Giovedì prossimo.

Per rassicurare i cittadini italiani Eni ha reso anche pubbliche le misure prese già da qualche tempo; viste le difficoltà di Gazprom la domanda si è riversata anche sui fornitori del Nord Europa e sull’Algeria che sembrano tenere testa alle richieste. Sulla questione è intervenuto anche il Ministro dello Sviluppo Economico che critica lo stoccaggio insufficiente ricordando che i rigassificatori approvati non sono ancora stati costruiti ed in questo momento avrebbero aiutato sicuramente con le scorte.

Lascia un commento