Il ruolo delle infrastrutture di trasporto e logistica per la crescita economica del Paese

di Clara Commenta

infrastrutture trasporto logistica crescita economica Paese

“Infrastrutture di trasporto e logistica per la crescita economica” è il titolo della sessione – curata dallo Studio Legale Associato Magrì-Sersale-Ambroselli – che si è tenuta all’interno del workshop “Il ruolo delle professioni nell’economia del Paese”.

Workshop organizzato, in occasione del Salone della Giustizia, congiuntamente dagli Studi Legali Tonucci&Partners, Magrì-Sersale-Ambroselli ed Indrieri&Associati.

“Siamo interessati a questo particolare argomento – ha esordito l’avv. Ennio Magrì – perché l’attività professionale del nostro studio è stata sempre rivolta a dare una assistenza legale globale, necessaria per la realizzazione di infrastrutture di qualsivoglia tipologia, coprendo tutti gli aspetti giuridici connessi alle stesse”.

“L’assistenza legale globale – ha proseguito – consiste nel partecipare al processo formativo della volontà del soggetto realizzatore, suggerire modalità comportamentali affinché la sua azione sia sempre improntata alla piena coerenza con il complesso di norme che presiedono la realizzazione di opere pubbliche. La fase contenziosa, il patrocinio innanzi l’Autorità giudiziaria, è un accadimento residuale, come suol dirsi un incidente di percorso”.

Lo Studio Legale Associato Magrì-Sersale-Ambroselli è un’associazione professionale con sede a Milano, Napoli e Roma ed è stato avviato nel 1960 proprio dall’avv. Ennio Magrì.

Lo Studio legale ha una comprovata esperienza in fase di assistenza legale globale per la realizzazione di opere infrastrutturali di grande rilevanza, tra cui il Centro Direzionale di Napoli, la Tangenziale di Napoli, la Fiera di Milano, il nuovo quartiere City Life di Milano, il Termovalorizzatore di Acerra, la linea 6 della Metropolitana di Napoli, le Ferrovie regionali Alifana e Circumvesuviana della Campania.

“Opere indispensabili – ha sostenuto l’avv. Magrì – per lo sviluppo del territorio in cui si trovano e di conseguenza per lo sviluppo del Paese”.

Il dibattito è poi proseguito con l’intervento del Direttore Generale di ALIS – Associazione Logistica della Intermodalità Sostenibile, Marcello Di Caterina, che ha affrontato il tema dell’intermodalità e della sostenibilità del trasporto attraverso lo sviluppo delle autostrade del mare, soffermandosi sulla sostenibilità in termini ambientali di ogni opera infrastrutturale.

Un’analisi sul ruolo dello sviluppo delle infrastrutture di trasporto e logistica per la ripresa economica del Paese è stata tracciata dal prof. Ennio Cascetta, Coordinatore nella Struttura Tecnica di Missione per l’Indirizzo Strategico, lo Sviluppo delle Infrastrutture e l’Alta Sorveglianza presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti; Presidente dell’ANAS ed attualmente, tra l’altro, anche Presidente della Metropolitana di Napoli S.p.A..

Gli effetti dello sviluppo infrastrutturale sulla crescita economica e sociale sono stati analizzati dall’economista Massimo Lo Cicero, attualmente docente presso l’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli e già Componente del Comitato Scientifico, a suo tempo incaricato dal MIT per la predisposizione delle Linee Guida del Piano Generale della Mobilità del Ministero dei Trasporti.