Primi passi nel trading forex: la scelta dell’intermediario

di Redazione Commenta

Una delle prime decisioni più importanti e complicate che un neo trader deve prendere è, certamente, quella legata all’intermediario presso il quale depositare il suo primo capitale. Puoi restringere il primo cerchio già escludendo dalla tua scelta le società non autorizzate e concentrandoti esclusivamente sui broker forex regolamentati. Per capire a fondo l’importanza del ruolo di un intermediario finanziario, è fondamentale conoscere nel dettaglio le attività di un broker. Più che in altri mercati, per quello valutario questa questione non è affatto un dettaglio. Il mercato forex non è regolamentato, quindi un broker non ha il compito scontato di mediare tra due controparti e favorire le migliori condizioni per il proprio cliente. Pertanto, cercherò di spiegarti, di seguito, maggiori dettagli in merito.

Trading online: perché un piccolo investitore ha bisogno di un broker

Il forex, come probabilmente già saprai, non ha una sede fisica centrale e tutti gli scambi avvengono tramite sistemi informatici interbancari ai quali le grandi istituzioni hanno accesso. Teoricamente, anche un piccolo investitore ne avrebbe accesso, ma con delle condizioni che non sono facilmente raggiungibili. Ecco perché, per speculare sulle valute, occorre necessariamente usufruire dei servizi di un broker.

Per evitare truffe e per essere sicuri che un intermediario non faccia i propri interessi alle spalle del trader, come ti dicevo è consigliabile scegliere solo broker autorizzati. Tali autorizzazioni corrispondono a specifiche licenze rilasciate dagli organi di vigilanza borsistica dei vari Paesi. In Europa, questi enti operano imponendo il rispetto della direttiva MiFID, un insieme di norme che favorisce la tutela degli investitori attraverso la vigilanza sulle operazioni finanziarie e facendo rispettare l’obbligo di trasparenza.

Investimenti sicuri: chi è e cosa fa CONSOB

In Italia, l’istituzione di vigilanza borsistica più importante è CONSOB (Commissione Nazionale per la Società e la Borsa), un organo indipendente dotato di persona giuridica che svolge diversi compiti:

  • Si assicura che le negoziazioni si svolgano correttamente, e in conformità con le normative previste
  • Controlla i bilanci societari e tutte le documentazioni degli intermediari iscritti all’Albo della Commissione
  • Tutela i piccoli investitori offrendo anche uno sportello di dialogo per segnalare eventuali ingiustizie subite
  • Impone l’obbligo di trasparenza ai broker finanziari, promuovendo la pubblicazione delle informazioni sui canali accessibili agli investitori
  • Rileva ed eventualmente sanziona giuridicamente comprovate scorrettezze.

Qualsiasi broker che voglia operare in Italia legalmente passa per CONSOB. Se leggi questo nome sul sito dell’intermediario da te scelto, puoi ritenerti sicuro di andare a collaborare con una società altamente affidabile.