Titoli di Stato: per i BOT rendimenti vicini allo zero

di Fil Commenta

bot-rendimentoPer i “BOT people” c’è poco da stare allegri; da qualche mese si sta assistendo, asta dopo asta, a continue limature verso il basso dei tassi offerti dai Buoni Ordinari del Tesoro, ma nell’ultima asta, tenutasi ieri, i rendimenti si sono praticamente portati in prossimità dello zero. A conti fatti, in questo momento, il collocamento dei titoli di Stato rappresenta un vero e proprio “affare” per il Tesoro, che può rifinanziare lo stock di debito pubblico a tassi ben al di sotto del livello dell’inflazione e con ingenti risparmi sulla spesa per interessi. Basti pensare al BOT trimestrale, collocato ieri ad un tasso lordo dello 0,492%, mentre per i Buoni Ordinari del Tesoro ad un anno il rendimento lordo è crollato allo 0,859%. Ne consegue, tra l’altro, che l’acquisto sul mercato, nei prossimi giorni, dei BOT citati comporti praticamente dei rendimenti nulli o quasi, visto che aggiungendo le spese bancarie per l’acquisto, specie nel caso dei BOT trimestrali, almeno una metà del rendimento lordo offerto sfuma con le commissioni applicate dagli istituti di credito.

Lascia un commento