Terza svalutazione in una settimana per il rublo dopo il ribasso del prezzo del petrolio

di Redazione 2

Bank Rossii, banca centrale della Russia, ha provveduto a svalutare il rublo per la terza volta in una settimana: la valuta russa ha così raggiunto il più basso livello nei confonti del dollaro da gennaio 2006. Tale provvedimento è stato preso per far fronte all’indebolimento della crescita economica causato dal raggiungimento da parte del petrolio della quotazione di 39 dollari a barile. Il rublo ha perso circa 0,9 punti percentuali nei confronti di dollaro ed euro, ed è stato scambiato a quota 33,7 alla borsa di Mosca, dopo che la banca centrale aveva permesso che la valuta potesse scendere di un altro punto percentuale.

C’è inoltre da dire che la moneta russa si è anche indebolita nei confronti del dollaro dello 0,7% e dello 0,8% nei confronti dell’euro (chiudendo in questo caso a quota 39,9407). Come già detto, il greggio, principale fonte di esportazione del paese, si è notevolmente avvicinato ai 39 dollari al barile ed è prossimo a raggiungere un livello del 75%. Il governo russo ha bisogno del petrolio per bilanciare il suo budget del 2009, raggiungendo una media di 70 dollari. Mikhail Galkin, a capo della ricerca finanziaria della MDM Bank di Mosca, ha così commentato la situazione:

Finchè il petrolio rimarrà in una situazione così depressa, la banca centrale non avrà altra scelta che attuare continue svalutazioni.

Bank Rossii ha dunque permesso al rublo di subire un declino nei confronti delle altre valute per la terza volta negli ultimi quattro giorni lavorativi, e per la decima volta dall’11 novembre, secondo quanto rivelato da un dirigente dell’istituto creditizio. La valuta russa ha perso ben 18 punti percentuali nei confronti del dollaro dall’inizio di agosto. Tra l’altro, la banca centrale sta tentando di vendere valuta estera per limitare l’andamento incerto del rublo, facendo così scendere il livello di tali riserve a 162,7 miliardi di dollari. Il Micex ha risentito di questa situazione, perdendo anch’esso lo 0,7% e chiudendo a quota 661,17.

Commenti (2)

  1. salve, il petrolio continua a scendere in borsa ma i distributori aumentano i prezzi.
    allora perchè non fermare un attimo i rifornimenti?

Lascia un commento