Kodak discute con Citigroup la propria bancarotta

di Simone Ricci 2

L’ultima fotografia che la Eastman Kodak Company potrebbe scattare rischia di essere quella della propria bancarotta: è proprio per questo motivo che il colosso americano ha avviato delle discussioni piuttosto avanzate con Citigroup, in modo da ottenere i finanziamenti necessari per prepararsi a ogni evenienza. La multinazionale di Rochester, celebre per i suoi rullini e gli altri dispositivi fotografici, è infatti intenzionata a cercare la maggiore protezione possibile dai suoi creditori, tanto che a breve è prevista perfino la vendita del proprio portafoglio brevetti. Il denaro necessario in questo senso ammonta a circa un miliardo di dollari, ma la cifra potrebbe anche cambiare e salire in modo vertiginoso.

Moody’s ha già provveduto a tagliare i rating della società lo scorso 5 gennaio, parlando chiaramente di un’altissima probabilità di fallimento, visto che la liquidità a disposizione si sta deteriorando di giorno in giorno. Le notizie sulla possibile bancarotta hanno cominciato a circolare almeno dal mese di settembre, anche se le intenzioni sono proprio quelle di rimanere in vita e la cessione completa dei brevetti ne è una chiara testimonianza. La stessa Citigroup, però, ha preferito non commentare alcuna indiscrezione per il momento. Il terzo trimestre è stato davvero tremendo per Kodak, con il denaro cash a disposizione che è crollato da 1,4 miliardi a 862 milioni di dollari (il raffronto è stato fatto con lo stesso periodo dell’anno precedente); i risultati relativi al quarto trimestre del 2011, invece, saranno resi pubblici il prossimo 26 gennaio, ma sicuramente non ci sarà molto da gioire.

L’ad Antonio Perez si priverà di un portafoglio composto dai brevetti di oltre 1.100 immagini digitali, oltre a vari business un tempo proficui, cercando di ottenere in cambio i diritti d’autore dalle compagnie che potrebbero essere maggiormente interessate, in primis Apple e Research In Motion Limited. Intanto, il New York Stock Exchange ha fatto registrare un calo di quattordici centesimi del titolo.

Commenti (2)

Lascia un commento