Femsa punta al mercato brasiliano con la produzione di birra e bevande analcoliche

di Simone Ricci Commenta

Fomento Economico Mexicano SAB, la più grande compagnia nel settore delle bevande dell’America Latina, ha previsto di accelerare il ritmo dei guadagni derivanti dalle sue vendite nel mercato brasiliano della birra, attraverso la presentazione di nuovi marchi, mirati a pubblicizzare ed utilizzare un determinato network di distribuzione. L’azienda messicana, che ha sede nella città di Monterrey ed è la produttrice di bibite come Coca-Cola e Dos Equis, oltre alle birre Tecate e Sol, ha conquistato una porzione di mercato della Cia de Bebidas das Americas, la più grande compagnia di birra del Brasile: la notizia è stata confermata da Ernesto Silva, direttore generale delle operazioni brasiliane e argentine della Femsa.

 

Quest’ultima ha infatti guadagnato 1,5 punti percentuali negli ultimi due anni, da quando ha acquistato la Cervejarias Kaiser SA nel gennaio 2006. Lo stesso Silva si è così espresso al riguardo:

Li stiamo mettendo in imbarazzo. Giorno dopo giorno stiamo raggiungendo un ritmo di crescita sempre maggiore.

Una nuova versione brasiliana della birra Sol e un’altra birra analcolica, così come quelle a marchio Kaiser e Heineken, che Femsa produce e vende in Brasile per conto della compagnia olandese, sono indicate da Silva proprio come i prodotti che daranno il maggior impulso alla crescita dei guadagni.

 

C’è da sottolineare che per quanto riguarda i primi nove mesi di quest’anno, le vendite di birra della Femsa in Brasile hanno subito un rialzo di circa di 9,5 punti percentuali e che il volume delle stesse vendite è cresciuto del 7,6% se paragonato con quello dello stesso periodo dello scorso anno. La compagnia messicana sta dunque investendo maggiormente i suoi profitti in prodotti nuovi e già presenti sul mercato ed è inoltre in procinto di utilizzare il suo network di distribuzione della Coca-Cola per accrescere i marchi della Kaiser in Brasile: Coca-Cola Femsa SAB è la maggiore compagnia del paese per quanto riguarda la produzione di bibite analcoliche.

 

Lascia un commento