Le incertezze dell’eurozona indeboliscono il real brasiliano

Le incertezze dei leader europei in merito a un nuovo piano di salvataggio per l’eurozona stanno indebolendo anche le altre valute straniere: in particolare, il real brasiliano ha risentito in maniera piuttosto pesante di questa situazione, tanto da essere stato scambiato ieri a quota 1,7875 nei confronti del dollaro, un livello decisamente più alto rispetto alla chiusura precedente (per la precisione i reais necessari per ottenere un dollaro erano pari a 1,7755). Il summit comunitario di domenica potrebbe addirittura essere posticipato a causa del disaccordo che regna a livello politico ed economico; in particolare, gli unici due leader che sembrano per il momento in sintonia sono quelli delle due principali economie continentali, Francia e Germania, quindi Nicolas Sarkozy e Angela Merkel.

Brasile, crescita sostenuta del prodotto interno lordo

Le stime relative al prodotto interno lordo brasiliano hanno messo in evidenza un trend ben preciso nel corso del secondo trimestre del 2011: in effetti, il paese sudamericano sta vivendo una fase di crescita economica piuttosto sostenuta, così come sottolineato dal numero uno della banca centrale, Alexandre Tombini. Lo stesso presidente ha spiegato quelle che sono le sue impressioni da questo punto di vista in un annuncio. Nello specifico, la nazione carioca è riuscita ad affrontare un ciclo virtuoso e la permanenza attuale in quest’ultimo dovrebbe consentirle di mantenere il tasso di inflazione in linea con gli obiettivi che il governo si è posto per il 2012.

Telecom Italia: shopping in Brasile

Telecom Italia, ed in particolare la controllata TIM Participações S.A., ha annunciato un importante rafforzamento delle proprie attività in Brasile. Questo, nello specifico, grazie all’acquisizione, per 700 milioni di euro, di AES Atimus; si stima che il closing dell’operazione, dopo il via libera da parte degli organi regolatori, possa avvenire entro il quarto trimestre del corrente anno.

Femsa punta al mercato brasiliano con la produzione di birra e bevande analcoliche

Fomento Economico Mexicano SAB, la più grande compagnia nel settore delle bevande dell’America Latina, ha previsto di accelerare il ritmo dei guadagni derivanti dalle sue vendite nel mercato brasiliano della birra, attraverso la presentazione di nuovi marchi, mirati a pubblicizzare ed utilizzare un determinato network di distribuzione. L’azienda messicana, che ha sede nella città di Monterrey ed è la produttrice di bibite come Coca-Cola e Dos Equis, oltre alle birre Tecate e Sol, ha conquistato una porzione di mercato della Cia de Bebidas das Americas, la più grande compagnia di birra del Brasile: la notizia è stata confermata da Ernesto Silva, direttore generale delle operazioni brasiliane e argentine della Femsa.

 

Quest’ultima ha infatti guadagnato 1,5 punti percentuali negli ultimi due anni, da quando ha acquistato la Cervejarias Kaiser SA nel gennaio 2006. Lo stesso Silva si è così espresso al riguardo:

Li stiamo mettendo in imbarazzo. Giorno dopo giorno stiamo raggiungendo un ritmo di crescita sempre maggiore.

Una nuova versione brasiliana della birra Sol e un’altra birra analcolica, così come quelle a marchio Kaiser e Heineken, che Femsa produce e vende in Brasile per conto della compagnia olandese, sono indicate da Silva proprio come i prodotti che daranno il maggior impulso alla crescita dei guadagni.