Centrale rischi censirà i crediti da 30.000 euro e non più solo da 75.000 in su

Banca d’Italia ha pubblicato le disposizioni che, dal primo gennaio 2009, assegnano nuovi compiti di monitoraggio alla Centrale dei rischi che fotograferà i rapporti tra banche e clienti per transazioni creditizie a partire da circa 30.000 euro contro i 75.000 attuali. Le nuove disposizioni per gli intermediari creditizi danno attuazione ad una delibera del Cicr di settembre attraverso in cui, dal primo gennaio 2009, si accentrerà presso questa struttura della Banca d’Italia anche la vigilanza sui crediti tra 30 e 75.000 euro. Con queste disposizioni la soglia di vigilanza di Bankitalia scende a partire da circa 30.000 euro, un livello ritenuto adeguato sia in un’ottica di bilanciamento costi-benefici per il sistema creditizio, sia per meglio soddisfare gli obiettivi di vigilanza. Le nuovi disposizioni sono il risultato anche di una consultazione pubblica a cui hanno partecipato i rappresentanti degli operatori del mercato, delle imprese e dei consumatori.

Lascia un commento