Piazza Affari: avvio di ottava negativo

di Francesco Giocondo 2

Non che qualcuno si aspettasse un avvio positivo per la seconda ottava del mese di Settembre, ma nonostante questo il mercato riesce lo stesso a stupire; il FTSE-Mib apre sotto a 13750 saltando a piè pari il minimo relativo del 6 Settembre e proseguendo il cammino negativo iniziato l’8 Settembre per la chiusura del tracy+1.

Secondo i vincoli ciclici classici è giusto che il minimo del 6 Settembre sia stato rivisto nel breve periodo, come è corretto che l’entità del ribasso sia alta (in linea con l’andamento precedente della volatilità).

Tuttavia ribassi di questo tipo hanno più della componente ciclica e sono assimilabili ad una debolezza strutturale pre-recessione; il crollo del settore bancario nelle prime ore del lunedì, con Wall Street chiusa peraltro, è indice di una debolezza impressionante e ben rappresentata da Unicredit che perde adesso il 7% alla fine della prima metà della giornata.

La minaccia di downgrade sul settore bancario Francese si ripercuote in tutta l’area Euro visto che il settore è strettamente collegato ed i problemi sono simili praticamente ovunque; perde Societè Generale che scivola a 15.67 (-10.61%), Axa (-9.28%), Credit Agricole (-8.69%), Deutsche Bank (-8.35%), Intesa Sanpaolo Risp (-7.42%).

Sul lato “verde” del listino c’è poco da dire invece; S.S. Lazio guadagna il 2.89% ed è la migliore a Piazza Affari. Monrif seconda con 2.83%, ma non c’è nessun nome importante degno di nota tra i migliori. Campari regge il crollo perdendo l’1%, seguendo quindi la tendenza ma confermandosi come titolo difensivo.

Nel pomeriggio tante saranno le scommesse di recupero.  Il +3.70% per il Mib a mezzogiorno vuol dire grandi opportunità di rimbalzo tecnico, ma anche grande pericolo; un close orario sopra 13600 rimanderà il crollo per un ritorno vicino a 14000 a chiudere il gap-down, mentre la perdita del bottom disegnato questa mattina in open a 13470 proseguirà il lavoro iniziato questa mattina portando l’indice ancora più vicino al bottom di Marzo 2009.

Commenti (2)

Lascia un commento