Tra agosto e settembre l’Opa Greenvision-Ladurner

di Simone Ricci Commenta

L’offerta pubblica di acquisto dovrebbe verificarsi nel periodo compreso tra i prossimi mesi di agosto e settembre: il riferimento non può che andare al lancio dell’Opa obbligatoria che andrà a coinvolgere i titoli azionari di Greenvision Ambiente e che è stata annunciata da Ladurner Finance per un importo complessivo di oltre due milioni di strumenti finanziari. In pratica, si sta parlando di una quota pari a quasi il 35% dell’intera società in questione, la spa di Bolzano che è attiva nella progettazione e realizzazione di impianti che sfruttano le energie rinnovabili, attualmente in fase di liquidazione. Ebbene, l’ammontare previsto è di 6,61 euro per ogni singolo titolo di cui non si è ancora in possesso.

GREENVISION AMBIENTE: RICAVI ESERCIZIO 2009 IN LIEVE FLESSIONE
Un’apposita nota ha chiarito il tutto, mettendo in luce come tale operazione sarà perfezionata a seguito del recente acquisto di circa il 36,2% del capitale sociale della stessa azienda: in pratica, il prezzo di cinque euro per azione ha caratterizzato questa acquisizione di cui è stata protagonista appunto Ladurner, tanto che quest’ultima possiede ora il 47,38% del capitale complessivo. Perché si è deciso di puntare e focalizzare l’attenzione sul gruppo trentino? Entrando maggiormente nel dettaglio, c’è da dire che si vuole sfruttare al massimo la leadership piuttosto forte di Greenvision Ambiente per quel che riguarda il trattamento meccanico e biologico dei rifiuti di tipo urbano, un business che si è progressivamente sviluppato grazie proprio all’apporto di Ladurner.

IREX E’ IL NUOVO INDICE DELLE QUOTATE ITALIANE DELLE FONTI RINNOVABILI

Molti impianti sono stati costruiti nel nostro paese per produrre il Cdr, il combustibile che viene ottenuto dai rifiuti urbani selezionati, dunque ci si può attendere da questa Opa una ulteriore intensificazione delle costruzioni. Lo stesso discorso vale per la realizzazione dei prodotti eco-compatibili, con il settore industriale italiano da mettere in prima linea, bisognoso com’è di nuove opportunità e nuove sinergie. Le prossime settimane saranno più che decisive.

Lascia un commento