Borsa di Atene migliore d’Europa nel 2012

Chiamiamoli pure “paradossi finanziari”. Nell’era della globalizzazione e dell’interconnessione dei mercati finanziari, dominati dall’azione di banche centrali e fondi speculativi, tutto è possibile. Anche che la borsa di Atene sia la piazza finanziaria migliore d’Europa, nonostante il paese sia da ben cinque anni in recessione e sull’orlo del baratro. Tenuto a galla solo dagli aiuti finanziari di Bce, Ue e Fmi, il paese ellenico non riesce a vedere la luce alla fine del tunnel e le prospettive non sono di certo incoraggianti. Tuttavia, da un punto di vista finanziario la situazione è completamente diversa.

Eurozona unita a tutti i costi

Povertà mai sperimentata prima. È questa la previsione che ha formulato il ministro delle finanze greco, Yannis Stournaras, a chi gli domandava cosa sarebbe accaduto in caso di uscita della Grecia dall’Eurozona. Una profezia tetra, accompagnata dalla conseguente affermazione secondo la quale occorrerà fare tutto quanto è possibile per “rimanere sotto l’ombrello dell’euro”, considerato – appunto – l’unico salvataggio se il Paese non vuole affrontare una povertà record, che gli ateniesi non hanno mai provato nella loro storia.

Salvataggio Grecia sempre più probabile

Cosa ha mosso i mercati finanziari l’economia reale negli ultimi tempi? Dopo la crisi dei subprime che ha contagiato solo indirettamente l’Eurozona è passato un periodo di “stallo” in cui i mercati mondiali hanno cercato di riprendersi, ma da circa un anno la paura è tornata sulle Piazze Mondiali e questa volta il pericolo è tutto Europeo.

Fino a poco tempo fa’ l’Unione Europea sembrava un legame forte tra gli Stati interessati che teoricamente avrebbe dovuto consolidare la presenza e la forza della valuta nel mondo. In realtà da quando la Grecia è in crisi ed a rischio default la soluzione più volte proposta è stata quella di un’uscita preventiva perchè l’eventuale crollo del Paese avrebbe trascinato nel baratro l’intera Eurozona. Insomma quando si è presentato il momento di aiutare uno degli Stati non si è fatto assolutamente nulla se non cominciare a puntare il dito; non si entra in rischio default da un giorno all’altro ed in fatti non è stato così per la Grecia, ma nel declino non sono mai stati presi provvedimenti adeguati da parte di nessuno e si è sempre visto con diffidenza il Paese pronti a lasciarlo qual’ora non fosse riuscito a riprendersi.