Banca Popolare di Vicenza propone un dividendo da 80 centesimi

di Simone Ricci Commenta

Banca Popolare di Vicenza conosce finalmente l’importo esatto del proprio dividendo. La giornata di ieri è stata infatti caratterizzata dall’assemblea decisiva per l’approvazione del bilancio e la riconferma dei consiglieri che fanno parte del cda. I risultati finanziari erano comunque già stati messi in luce e stavolta vi è stato spazio per commentare il tutto con estrema soddisfazione: secondo Gianni Zonin, numero uno del gruppo veneto, gli impieghi sono stati aumentati a una media che è addirittura tripla rispetto a quella dell’intero sistema bancario del nostro paese. Lo sforzo messo in atto, poi, è stato definito come straordinario ed eccezionale.

BANCA POPOLARE DI VICENZA, NUOVA FILIALE A NEW YORK
Volendo essere ancora più precisi, l’utile netto dell’istituto vicentino è arrivato fino a 95,1 milioni di euro, tanto che poi si è deciso di deliberare la distribuzione di un dividendo pari a ottanta centesimi di euro per ogni singolo titolo azionario; questa cedola, inoltre, sarà erogata in titoli azionari e non in denaro contante. Le azioni stesse hanno un valore di 62,5 euro, il quale non è cambiato di una virgola rispetto a quello registrato nel corso de 2011. I soci non si sono lamentati di queste decisioni, nonostante circolassero molte voci circa un malumore diffuso da questo punto di vista; gli interventi, invece, sono stati improntati al positivismo, tanto che lo stesso Zonin ha voluto sottolineare come negli ultimi quindici anni sia stato garantito un rendimento medio annuo dei titoli pari a quasi sette punti percentuali.

LA SCISSIONE DI BPVI FONDI SGR ENTRA NEL VIVO

Il pagamento del dividendo in azioni, inoltre, risponde a tre esigenze specifiche, vale a dire il suggerimento dettato dalla Banca d’Italia, il risparmio in termini fiscali del 20% e il rafforzamento del capitale sociale. Insomma, si è trattato di una sorta di sacrificio imposto ai soci, ma la risposta è stata incoraggiante. Per quel che concerne, infine, gli amministratori, un terzo degli emolumenti sarà anch’esso retribuito con le azioni della banca.

Lascia un commento