La nuova obbligazione Step Up di Ubi Banca

La giornata odierna sarà fondamentale per la negoziazione presso il DomesticMot di Borsa Italiana di un nuovo prodotto finanziario che reca la “firma” di Ubi Banca: il gruppo bancario bergamasco provvederà infatti a collocare un nuovo titolo obbligazionario del tipo Step Up che giungerà a scadenza nel 2014. Si tratta, nello specifico, di bond a tasso fisso che prevedono un incremento del valore della cedola in modo prefissato; la caratteristica principale di tali strumenti, dunque, è quella di una struttura cedolare piuttosto caratteristica, visto che si tratta di qualcosa che è variabile nel tempo, ma anche predeterminata in fase di emissione del titolo stesso. In aggiunta, come precisa il prospetto informativo dell’Unione delle Banche Italiane, le obbligazioni in questione sono state progettate per garantire degli interessi annui lordi, i quali verranno pagati in via posticipata il 30 aprile di ogni anno.

DIVIDENDO E BILANCIO UBI BANCA ESERCIZIO 2011
L’offerta (il codice Isin di riferimento è IT0004804560) prevede un numero complessivo di obbligazioni pari a 33.438 unità, con un valore nominale unitario di mille euro: questo vuol dire che il valore nominale complessivo dei titoli in circolazione supera abbondantemente i 33 milioni di euro. Ovviamente, come avviene nella maggior parte di questi casi, i rischi che sono relativi alla vendita prima della scadenza sono diversi: in particolare, il prezzo viene influenzato da vari elementi, in primis la variazione dei tassi di interesse di mercato, ma anche le commissioni di collocamento, le caratteristiche del mercato in cui questi prodotti sono negoziati (il cosiddetto rischio di liquidità) e la variazione del merito di credito dell’emittente.

QUADERNO FINANZA CONSOB: OTTIMA RACCOLTA DI BOND PER LE BANCHE

Queste obbligazioni Step Up possono essere sottoscritte solamente attraverso quella che viene definita “conversione dell’amministrato”: si tratta di una sottoscrizione che sfrutta somme di denaro che derivano dal disinvestimento o dal rimborso dei titoli, il tutto in una percentuale fissata al 100% dell’importo nominale sottoscritto.

Lascia un commento