Finmeccanica vince gara da 300 milioni con Ansaldo

di Redazione Commenta

Finmeccanica, attraverso AnsaldoBreda, parte integrante del gruppo, ha vinto una gara da 300 milioni di dollari per la fornitura di 136 carrozze di nuova realizzazione da utilizzarsi nella metropolitana di Miami, in Florida, gestita dalla Metrorail. Si tratta di una nuova importante gara che condurrà i business di Finmeccanica ad approfondire il peso del fatturato del mercato americano, con un appalto di sicuro prestigio e interesse pluriennale. Vediamo allora quali sono le caratteristiche dei lavori, e come potrebbero impattare sui conti della società.

La fornitura, afferma La Stampa, che per prima ha lanciato l’ufficializzazione della notizia,  “prevede la realizzazione di sei veicoli “pilota” e di 130 carrozze di serie. I componenti dei nuovi treni saranno costruiti nei siti produttivi italiani di AnsaldoBreda, quindi assemblati in un nuovo stabilimento che la società costruirà nella contea di Miami-Dade. I veicoli saranno estremamente moderni e caratterizzati da un elevato livello tecnologico, dotati di illuminazione a led a basso consumo energetico, sistema di videosorveglianza, wi-fi, e caratterizzati da un design innovativo e pienamente in linea con i requisiti e gli standard statunitensi e della Florida in particolare”.

AnsaldoBreda è attualmente uno dei principali fornitori di metropolitane degli Stati Uniti, con una flotta di più di 1.000 convogli presenti nelle principali metropoli a stelle e strisce, come Washington DC, Atlanta, Boston, Los Angeles, Cleveland e San Francisco. Oltre a tale business, l’azienda è impegnata in attività di costante ammodernamento di veicoli entrati recentemente in servizio a Buffalo e la costruzione della metro senza conducente di Honolulu, in collaborazione con Ansaldo STS.

“Questo ulteriore successo di AnsaldoBreda” – commenta l’Amministratore Delegato, Maurizio Manfellotto – “testimonia come il nostro programma di riposizionamento globale stia dando i frutti attesi. Siamo sempre più in grado di presentare prodotti innovativi sotto il profilo della tecnologia e della qualità, mantenendo un livello di competitività elevato. Per aggiudicarci questa gara abbiamo vinto la concorrenza qualificata di aziende francesi e spagnole su un mercato, come quello americano, che ci vede storicamente presenti”.

Qui il nostro approfondimento su quali azioni italiane comprare nel 2013. Ci sarà anche Finmeccanica?

Lascia un commento