Trimestrale Banca Imi

di Redazione Commenta

Buone notizie per gli stakeholders Banca Imi. La merchant bank di Intesa Sanpaolo ha infatti approvato una trimestrale molto positiva, che conduce i profitti dei primi nove mesi del 2012 a quota 494 milioni di euro, e pertanto prossimi ai 517 milioni di euro conseguiti nell’intero esercizio fiscale precedente. Da inizio anno al 30 settembre 2012 l’incremento dell’utile netto è stato pari a quasi 12 punti percentuali, e l’obiettivo dichiarato della società è quello di proseguire l’attuale trend anche nel corso dell’ultimo trimestre.

“Risultati importanti” – afferma l’amministratore delegato Gaetano Micciché, costruiti “con prudenza” e con impronta sostenibile. “Certo rispetto ai primi due trimestri del 2012 – chiusi con utili in aumento del 37,5% – la corsa è rallentata, ma il risultato era atteso, perché di fatto risente della fiacchezza del periodo estivo nei segmenti in cui opera Banca Imi” – ricorda il Sole 24 Ore, per poi precisare che – “tuttavia, l’utile è stato comunque pari a 93,5 milioni e «le scelte di lungo periodo realizzate nel corso degli ultimi anni – sottolinea Micciché – hanno reso possibile anche nello scorso trimestre, il consolidamento di una posizione di leadership in tutte le aree di attività in cui compete la banca», vale a dire i capital markets, la finanza strutturata e l’investment banking”.

“Siamo a disposizione degli imprenditori coraggiosi, che hanno voglia di crescere” – afferma ancora l’amministratore delegato Micciché, che per il 2013 confida anche in un graduale ritorno alla borsa – “Mai come adesso stiamo esaminando dossier relativi a nuove quotazioni”.

Per quanto concerne gli altri numeri, il margine di intermediazione consolidato dei primi nove mesi è stato pari a 1,11 miliardi di euro, in incremento del 17,4 per cento su base annua. Il risultato consolidato della gestione operativa è pari a 856 milioni di euro, in crescita del 19,8 per cento. Patrimonialmente, core tier 1 a 14,7 per cento.

Continueremo a monitorare l’andamento dell’istituto anche nel corso dei prossimi trimestri.

Lascia un commento