Pirelli in borsa recupera terreno

di Redazione Commenta

Il crollo verticale di ieri di Pirelli ha spaventato buona parte degli investitori, ma in realtà le preoccupazioni non sono così fondate come potrebbe sembrare. Il titolo durante la seduta di ieri ha aperto sopra a 9.25 euro per azione ma nel pomeriggio, nel giro di due ore, è passato da quasi 9.50 euro per azione a circa 8.5 euro per azione, dove poi ha chiuso le contrattazioni lasciando l’amaro in bocca a chi credeva in un recupero.

Il titolo è particolarmente slegato dall’andamento del FTSE-Mib e per questo, se analizzato da solo, mostra un quadro completamente diverso e quasi positivo rispetto all’indice di appartenenza. Dopo il bottom della seconda metà del 2011 (di poco inferiore a quota 5 euro per azione) Pirelli ha recuperato terreno costantemente fino a raggiungere, in Aprile 2012, il top relativo a 9.69 euro per azione. Gli azionisti che sognavano i dieci euro per azione si sono scordati che il target di medio termine era a 9,5 euro e per questo dopo una finta ripresa dell’up-trend il book di negoziazione è crollato sotto il peso delle prese di profitto. 

La discesa di ieri ha condensato in un giorno solo il movimento di almeno 4 giorni di borsa aperta ma il risultato non cambia; Pirelli si trova in una fase estremamente positiva che verrà negata solamente con la perdita del supporto estremo a quota 7.5 euro; sotto a questo livello statico, si riapriranno le porte per target inferiori a 5,5 euro per azione e probabilmente per un doppio minimo sul bottom del 2011.

TARGET PRICE PIRELLI ALZATO DA BANCA AKROS

Indipendentemente dall’andamento dell’indice di riferimento (il FTSE-Mib) Pirelli seguirà un percorso personale e per questo eventuali previsioni e cambi di rotta saranno slegati dall’andamento generale e non ci si deve stupire se spesso le due strade saranno estremamente contrastanti.

PIRELLI IN CALO SU POSSIBILE ADDIO DEL CEO FRANCESCO GORI

Lascia un commento