Unicredit sarà riorganizzata secondo ad Ghizzoni

di Redazione Commenta

Secondo quanto dichiarato in una conferenza da Federico Ghizzoni, amministratore delegato di Unicredit, la banca di Piazza Cordusio effettuerà una riorganizzazione societaria sia in Italia che oltre i confini nazionali. Secondo Ghizzoni, la banca darà maggiore “autonomia alle realtà locali con più efficienza sul territorio per un maggiore controllo dei costi e risposte più rapide ai clienti”. Il gruppo Unicredit conta 160.000 dipendenti, ma 60.000 circa non hanno contatti diretti con la clientela. Ghizzoni ha anche ribadito l’esigenza di una maggiore semplificazione nella struttura bancaria, che per certi versi si traduce anche con la riduzione degli sportelli.

Ghizzoni ricorda che il processo di riduzione degli sportelli bancari è in corso da tempo e che negli ultimi due anni e mezzo ne sono stati tagliati già 800. Tuttavia, secondo l’amministratore delegato di Piazza Cordusio “non si può decidere a priori quanti sportelli tagliare”, in quanto bisogna fare le valutazioni in base ai servizi da fornire ai clienti. Ghizzoni ritiene sia fondamentale puntare “alla snellezza dei processi interni”.

LA CRISI DELL’EURO COLPISCE LE BANCHE SVIZZERE

Ghizzoni ritiene anche che i requisiti di liquidità contenuti nella prima bozza di Basilea 3 potrebbero avere conseguenze negative. Secondo l’ad di Unicredit, “il rischio è quello di un impatto negativo peggiore” rispetto alle regole sul capitale, per cui “si poteva procedere in modo più graduale”. Ghizzoni è convinto che le regole molto rigorose di Basilea 3 imporrebbero “il matching delle scadenze tra depositi e impieghi ma è molto difficile farlo”.

COME CREARE UN PORTFOLIO ANTI-CRISI SE SALTA L’EURO

Stamattina in borsa il titolo Unicredit perde più dello 0,7% a 2,45 euro. Ieri, invece, c’è stato un pesante calo del 4,26%. Da un punto di vista tecnico il titolo sembra avere tutte le carte in regola per andare a testare nuovamente i minimi di inizio anno a 2,2 euro. Dai top annuali dello scorso 8 febbraio di 4,65 euro, le azioni Unicredit hanno perso fino ad oggi quasi il 90% del proprio valore.

Lascia un commento