Spread spagnolo record verso 600 punti base

di Redazione Commenta

Non si placa la tensione sui titoli di stato spagnoli. Ieri, l’iniziale euforia per la vittoria alle elezioni greche del partito Nea Dimokratia – favorevole al mantenimento degli impegni con la troika e alla permanenza di Atene nell’euro – si è trasformata ben presto in un vero e proprio stato di assedio sui bond iberici. Sia la Spagna che l’Italia sono finite nuovamente sotto il tiro della speculazione internazionale. Lo spread spagnolo si avvia ormai verso quota 600 e ieri ha addirittura sorpassato lo spread irlandese. L’Irlanda è stato uno dei paesi a dover chiedere aiuti finanziari per evitare la bancarotta nazionale.

Gli investitori internazionali ormai hanno fatto capire di aspettarsi a breve il salvataggio per la Spagna, non solo quindi un intervento mirato sul settore bancario come annunciato poco più di una settimana fa. In attesa dell’asta dei Bonos spagnoli di oggi, ieri lo spread tra Bonos e Bund tedeschi con scadenza a dieci anni è volato fino a 589 punti base e ha chiuso a 576, cioè sopra il picco massimo toccato dallo spread italiano nel novembre scorso.

RATING SPAGNA TAGLIATO DA MOODY’S A BAA3

Il decennale spagnolo ormai rende più del 7%, cioè un livello insostenibile nel medio-lungo periodo. A pesare sullo spread spagnolo è stata la diffusione del dato sulle sofferenze bancarie in Spagna nel mese di aprile. I crediti in sofferenza degli istituti di credito spagnoli, ai quali è stato promesso dall’Europa un’iniezione di liquidità fino a 100 miliardi di euro, hanno fatto segnare un nuovo record ad aprile scorso.

RATING SPAGNA TAGLIATO DA FITCH A BBB

Infatti, secondo il Banco de Espana, i crediti inesigibili sono balzati all’8,72% dall’8,37% di marzo (8,15% a febbraio) con un incremento mensile di 4,77 miliardi di euro. Ad oggi le sofferenze nei bilanci delle banche ammontano a 152,74 miliardi di euro, un livello mai visto dal 1994 cioè quando non era ancora in circolazione l’euro. Le perdite sono dovute al crollo dell’immobiliare, a seguito di dieci anni di espansione incontrollata del real estate. Oggi lo spread spagnolo potrebbe varcare la soglia dei 600 punti base.

Lascia un commento