Wall Street giù dopo balzo rendimenti T-Bond Usa

di ND82 Commenta

Wall Street ha chiuso la seduta in calo, in scia ai timori per un allentamento del piano di quantitative easing da parte della Fed già entro questa estate e a seguito dell’improvviso sell-off sui titoli di stato americani che ha portato il rendimento dei Treasuries Usa decennali sopra il 2,2%, sui livelli più alti degli ultimi 13 mesi. Il future sul T-Note a 10 anni è passato da area 132,5 a 129,6 a partire dalla seconda metà del mese in corso. Le perdite sono state consistenti soprattutto negli ultimi due giorni.

A Wall Street gli indici azionari sembrano soffrire l’aumento della volatilità sui tassi di interesse a lungo termine e l’incertezza sul piano di acquisto di bond e asset-backed securities, che alcuni membri del Fomc vorrebbero ridurre già da giugno di almeno 20-25 miliardi di dollari dagli attuali 85 miliardi di dollari al mese. L’economia a stelle e strisce sta migliorando sempre di più, come dimostrato dai recenti dati sul mercato del lavoro, del pil, del settore immobiliare e della fiducia dei consumatori.

RISCHIO BOLLE FINANZIARIE SUI MERCATI

Intanto, ieri l’indice azionario S&P500 ha chiuso con una flessione dello 0,7% a 1.648,36 punti, allontanandosi ulterioremente dai massimi storici di 1.687,18 punti toccati otto giorni fa. In calo trobiamo anche l’indice Dow Jones, che perde lo 0,69% a 15.302,80 punti. Il 22 maggio l’indice aveva raggiunto il record di sempre a 15.542,40 punti. Il quadro tecnico dei due principali indici azionari americani è sensibilmente peggiorato. Il trend rialzista inizia a scricchiolare, per cui non va escluso che nei prossimi giorni possa iniziare una robusta correzione.

ITALIA IN RECESSIONE PER TUTTO IL 2013 SECONDO L’OCSE

La debolezza di Wall Street e il deciso incremento dei tassi sui Treasuries Bond Usa ha fatto crollare il dollaro americano, che è stato interessato da forti vendite nel corso della giornatadi ieri. Il cross euro/dollaro è salito fino in area 1,2980, avvicinandosi nuovamente alla soglia psicologica di 1,30. Ieri è andata male anche per le borse europee: Francoforte ha perso l’1,7%, Parigi l’1,89%, Londra l’1,99%, Milano l’1,62%.