L’irresistibile ascesa dei miliardari cinesi

di Redazione 1

Paperon de’ Paperoni, uno dei personaggi disneyani più famosi in assoluto, avrebbe il suo bel daffare nel far prevalere il proprio patrimonio contro la ricchezza imperante dei cinesi: i miliardari più proficui di questi tempi appartengono infatti all’ex Impero Celeste, così come si può facilmente rilevare dalla lettura di una delle ultime classifiche, quella stilata da Hurun. La crisi economica è globale e interessa tutte le nazioni senza esclusioni, eppure la seconda economia mondiale riesce a dar vita a situazioni di questo tipo, con soggetti che sono capaci di accumulare ricchezze senza freno. Entrando maggiormente nel dettaglio, c’è da dire che la ricerca in questione ha messo in luce un dato molto chiaro: i miliardari cinesi sono aumentati di numero, passando da 189 a 271 unità, un incremento davvero impressionante se si tiene conto che è avvenuto in un solo anno.

Ma chi sono questi paperoni del 2011 e a cosa devono la loro fortuna? Il più ricco in assoluto è senza dubbio Liang Wengen: si tratta di un industriale che è riuscito a sfruttare al massimo il business delle macchine utensili e che attualmente vanta un patrimonio pari a ben 7,8 miliardi di euro, grazie soprattutto all’azionariato di maggioranza in Sany, colosso attivo nel settore dell’industria pesante. Il secondo posto, invece, spetta a Zong Qinghou, con 7,6 miliardi di euro e una fortuna dovuta principalmente al suo gruppo Wahaha, leader in Cina per quel che concerne le bevande.

La terza piazza, poi, è andata appannaggio di Robin Li, il quale deve i suoi guadagni al web: in effetti, stiamo parlando del numero uno di Baidu, il motore di ricerca cinese più utilizzato. C’è però da sottolineare come anche il comparto immobiliare sia stato fondamentale per accumulare denaro e affari, nonostante questi patrimoni siano ancora lontani da quelli dei “colleghi” europei (soprattutto quelli di nazionalità russa) e americani.

Commenti (1)

Lascia un commento