Il piano francese per salvare le banche

di Michele Laganà 2

Nicolas Sarkozy propone un piano di rialzo delle banche. Arriva la smentita.

E’ stato un fine settimana movimentato per le notizie economiche francesi. La notizia che ha scosso maggiormente il mondo economico francese, è stata data dal giornale transalpino “Journal du Dimanche”, il quale ha dichiarato che il governo francese starebbe pensando ad un piano di rilancio delle banche francesi, il quale prevedrebbe un immissione di contanti pubblici nel circuito bancario delle cinque principali banche francesi, tra cui BNP Paribas, Societe Generale e Credit Agricole.

Alcuni indiscrezioni parlano di un inserimento di capitale, pari a 10/15 miliardi di euro nelle principali banche. Secondo il giornale francese però, tale proposta non è stata accettata dal Ceo di BNP Paribas Baudoin Prot, il quale avrebbe rifiutato tale proposta del governo e quindi tale piano non sarebbe più stato messo in atto. Nella giornata di ieri, però, sono arrivate le smentite di tutte le aziende citate su tale articolo, in primis da BNP Paribas. Lo stesso Eliseo, ha dichiarato che “Non esiste nessun piano”. Il governatore della banca di Francia, chiamato in causa sempre nello stesso articolo, ha dichiarato che le banche francesi sono “solide ed hanno una importante base di capitale. Come supervisori, conosciamo i loro bilanci e nessuna nasconde asset tossici”.

Le banche francesi, comunque, restano monitorate dagli operatori di mercato. Negli ultimi mesi, la sola Societe Generale, ha lasciato sul parterre il 61% del capitale, mentre Credit Agricole il 58% e BNP Paribas il 53%. Ancora nessuna rettifica da parte della testa giornalistica che ha dato per prima la notizia.

Photo credits | Getty Images

Commenti (2)

  1. hanno fatto le pulci ai clienti x il rating e stanno peggio di loro, e adesso si aspettano casomai anche riconoscenza,quanto prima vado alla posta.

Lascia un commento