Tassi di interesse in forte rialzo a dicembre

di robertor Commenta

Il bollettino della Banca d’Italia, relativo al mese di dicembre 2011, contribuisce a fotografare in maniera efficace lo scenario dell’economia italiana sul finire di uno degli anni più difficili degli ultimi decenni per la Penisola. Un bollettino che riporta una prevista frenata dei prestiti personali e alle imprese, una raggiunta stabilità delle sofferenze bancarie e – soprattutto – tassi di interesse in forte, fortissimo rialzo. 

Stando al contenuto del bollettino, infatti, nel corso dell’ultimo mese dello scorso anno i prestiti al settore privato avrebbero subito un aumento pari a 2,3 punti percentuali, contro un incremento che nel precedente mese di novembre aveva toccato i 3,5 punti percentuali. Il più brusco freno è stato generato dal comparto delle imprese, con un passaggio dai precedenti 4,4 punti percentuali agli attuali 2,6 punti percentuali, mentre i prestiti alle famiglie hanno compiuto un passo indietro dal ritmo di + 3,9 punti percentuali agli attuali + 3,4 punti percentuali. 

SOFFERENZE BANCARIE SALGONO A 104 MLD

Per quanto concerne i tassi di interesse, quelli applicati ai finanziamenti alle imprese sono saliti dai 3,86 punti percentuali di novembre, ai 4,18 punti percentuali di dicembre. I tassi sui mutui per l’acquisto di abitazione hanno invece compiuto un balzo da 3,98 punti percentuali agli attuali 4,26 punti percentuali (un anno fa, il livello era invece pari a 3,18 punti percentuali). In deciso rialzo anche i tassi di interesse sui crediti al consumo, passati da 9,07 punti percentuali agli attuali 9,11 punti percentuali.

Sul fronte della raccolta, il tasso di crescita annuale dei depositi del settore privato è negativo per mezzo punto percentuale, ma in miglioramento rispetto al -0,7% di novembre. La raccolta obbligazionaria è invece salita al 12,8% rispetto al 6,5% del mese precedente, grazie alle emissioni obbligazionarie con garanzia dello Stato, previste all’interno di quanto stabilito dal decreto legge Salva Italia.

Lascia un commento