Cartello prezzi semiconduttori: multe Ue ai colossi del settore

I principali player mondiali del comparto dei semiconduttori hanno dovuto incassare multe per circa 330 milioni di euro inflitte dall’Autorità per la concorrenza dell’Unione Europea citando un cartello illegale dei prezzi. In particolare, i produttori nel mirino dell’Autorithy sono in tutto dieci, ma di questi solo a nove sono state comminate delle multe; le società multate sono la Mitsubishi, la tedesca Infineon, e poi a seguire Hynix, Hitachi, Nec, Nanya, Elpida, Samsung e Toshiba, mentre alla statunitense Micron Technology non è stata inflitta alcuna multa grazie ad una sorta di immunità concessa per aver collaborato con l’Autorità Garante Ue nel far emergere il cartello illegale sui prezzi dei chip.

Lascia un commento