Finanziamento a fondo perduto per avviare un’attività produttiva

Si parla spesso di finanziamenti a fondo perduto, ovvero quei particolari prestiti spesso erogati da enti locali o comunitari destinati alle attività produttive ed in particolare a determinate categorie di futuri imprenditori: giovani, donne, disoccupati o persone residenti in specifiche zone del Paese, come per esempio il Mezzogiorno. Questi finanziamenti si chiamano “a fondo perduto” proprio perchè si può usufruirne senza doverli restituire, essi hanno lo scopo di agevolare una determinata attività o area e non di guadagnare o lucrare sugli interessi. Una volta ricevuti quindi, vengono investiti totalmente nell’attività e non bisogna restituirli alla regione o all’ente che li ha emessi. Occorre però fare delle distinzioni tra i vari finanziamenti a fondo perduto.

Finanziamento a fondo perduto al 100%: l’intera somma non sarà restituita. L’imprenditore può così usufruire di tutta l’intera somma per le spese di attivitá.

Finanziamento   a fondo perduto al 50%: come é facile intuire si tratta di finanziamenti dove soltanto la metà della somma non dovrà essere restituita, l’altra invece dovrà essere resa all’ente erogatore, che spesso attua comunque delle politiche di restituzione del debito piuttosto vantaggiose per l’imprenditore.

Altre agevolazioni: ai finanziamenti a fondo perduto possono essere affiancate altre agevolazioni come, appunto, il tasso agevolato o la possibilità di restituire il prestito solo dopo un certo periodo di tempo, quando magari l’impresa avrà avuto modo di consolidarsi.

Per accedere ad un finanziamento specifico bisogna procurarsi il bando e successivamente presentare un progetto che illustri l’idea imprenditoriale. Può essere un progetto completamente nuovo o può riguardare il consolidamento di un’attività già esistente.

Come accedere a questa tipologia di finanziamento? Il primo passo consiste nel monitorare costantemente i siti degli enti locali e comunitari che permettono di prendere visione dei bandi. A quel punto si contatta l’ente, il quale, verificati i requisiti richiesti per accedere al bando, seguirà con le procedure di erogazione del fondo. In alcuni casi, se la domanda di fondi supera l’offerta, sono indetti dei concorsi.

Ecco alcuni link da monitorare per informarsi e rimanere aggiornati sulle pubblicazioni di nuovi bandi:

Europa.eu: é ovviamente il primo sito che dobbiamo monitorare. La comunità europea é infatti molto attenta allo sviluppo economico dei Paesi aderenti e pubblica periodicamente vari bandi. Da monitorare la pagina dedicata ai “Finanziamenti e Sovvenzioni Europee”

Obiettivoeuropa.it è un portale dedicato completamente ai finanziamenti europei, anche qui potremo trovare informaizoni utili al riguardo, con dettaglio dei programmi europei finanziati.

sviluppoeconomico.gov.it é il sito del Ministero dello sviluppo economico.

 

1 commento su “Finanziamento a fondo perduto per avviare un’attività produttiva”

  1. Pingback: Finanziamento a fondo perduto per avviare un’attività produttiva | Svoogle News

Lascia un commento