In Italia aumenta il numero delle banconote contraffatte

di Simone Ricci 2

Il 2011 è stato senza dubbio l’anno in cui la crisi economica ha colpito con maggiore forza il nostro paese, ma anche del dilagare di un fenomeno odioso: si tratta della contraffazione di banconote, la quale, stando agli ultimi dati pubblicati dalla Banca d’Italia e dalla Banca Centrale Europea, ha fatto segnare un nuovo picco negativo nei dodici mesi che si sono appena conclusi. Nel dettaglio, ad aumentare è stato proprio il numero di banconote create dai falsari in Italia, un incremento che è stato rilevato, in particolare, negli ultimi sei mesi dell’anno. Tra l’altro, questo record ci fa vergognare doppiamente, dato che l’andamento generale dell’area dell’euro è stato invece caratterizzato da un calo, una netta controtendenza che va sicuramente approfondita.

A livello statistico, bisogna porre l’accento sul riconoscimento di ben 145.879 banconote false, cinque punti percentuali in più rispetto allo stesso periodo di un anno prima e con un contributo determinante fornito dal periodo compreso tra luglio e dicembre (+8% e 70.600 falsi per la precisione). Come si accennava in precedenza, poi, è più che evidente il contrasto con quanto accaduto nell’eurozona, area che può vantare una riduzione del fenomeno di quasi il 20% (-19,6%) e con un totale di contraffazioni pari a 600mila unità. Come si spiega, dunque, il caso unico dell’Italia? Bankitalia e Bce si sono soffermate, in particolare, sulle modalità di contraffazione e sugli esemplari più “gettonati” in questo senso.

In effetti, i pezzi da venti euro vengono copiati con maggiore frequenza: questa classifica speciale viene dominata appunto dalla banconota in questione con il 61% dei casi complessivi, seguita a ruota dai cento euro (20%) e dai cinquanta (16%). Bisogna infine aggiungere che l’Eurotower di Francoforte è stato anche costretto a ritirare ben 310mila pezzi non originali, con il taglio da venti euro che ha ancora una volta attirato le maggiori attenzioni dei falsari, molto più che quello da venti.

Commenti (2)

Lascia un commento