Le condizioni economiche degli over 65 in Italia

di Redazione Commenta

Avere più di sessantacinque anni nel nostro paese di questi tempi non comporta molti vantaggi dal punto di vista economico: è questo quanto emerge chiaramente dalla seconda indagine nazionale sulla condizione sociale degli anziani in Italia, un rapporto che è stato condotto da Auser. In pratica, secondo quest’ultima associazione, la terza età sta ricevendo sempre di meno dal punto di vista finanziario, con un ruolo nella società che si è progressivamente ridimensionato. Si tratta della conseguenza principale della depressione economica vissuta dal paese, la quale ha delle ricadute non solo su giovani e donne, ma anche sugli anziani appunto, i quali sono costretti a sopportare delle pessime condizioni di povertà.
PENSIONI INPS, NIENTE PIU’ CONTANTI SOPRA I MILLE EURO
Tra l’altro, già si sapeva qualcosa di simile grazie ai dati diffusi dall’Istat. In pratica, secondo quanto stimato dall’istituto nel periodo compreso tra il 2003 e il 2011, la spesa media mensile di questa specifica fascia di età è aumentata di 284 euro: chi vive da solo, in particolare, deve far fronte a diverse voci piuttosto “ingombranti”, quali ad esempio quelle relative alla casa (sono aumentate di quasi tre punti percentuali) e ai trasporti (+0,7% per la precisione), con conseguenze che sono facilmente immaginabili sui consumi più importanti. Quali redditi percepiscono questi cittadini?

A NATALE AUMENTANO PRESTITI E FINANZIAMENTI

Il rapporto in questione ha messo in luce delle pensioni di vecchiaia che non superano nemmeno i 750 euro complessivi ogni mese nel 78% dei casi, mentre il 52% del campione preso in esame percepisce poco più di cinquecento euro, due situazioni piuttosto complesse. In aggiunta, questa carenza cronica di denaro spinge gli anziani a vendere la loro abitazione in moltissimi casi, il tutto con la forma della cosiddetta “nuda proprietà”: non è un caso, infatti, che le offerte di vendita siano aumentate del 13% lo scorso anno, ma questi atti sono diventati ormai a dir poco svantaggiosi.

Lascia un commento