Paypal, dal prossimo anno al lavoro con le criptovalute

di Valentina Cervelli Commenta

Nel settore se ne parlava da tanto e ora arriva la conferma, direttamente da Paypal: la piattaforma darà modo di acquistare, vendere e depositare diverse criptovalute sui suoi conti a partire da Bitcoin.

Paypal e crypto, negli States dal 2021

La criptovaluta di Satoshi come già anticipato è solo una delle diverse che Paypal tratterà: nell’elenco al momento appaiono infatti anche Ethereum, Bitcoin Cash e Litecoin e gli utenti della piattaforma potranno utilizzare in questo modo le valute digitali come metodo di pagamento invece di una carta prepagata o un conto corrente bancario.

Una notizia incredibile ma che deve essere in qualche modo momentaneamente ridimensionata visto che la funzione inizialmente sarà disponibile solo negli Stati Uniti salvo poi essere estesa in, recita l’annuncio, “in selezionati mercati internazionali” nel 2021.  Come funzionerà la procedura? Da quando spiegato , al momento del pagamento, le valute crypto saranno convertire in valute fiat come euro e dollaro, senza che vi siano commissioni aggiuntive sia per i consumatori che per i rivenditori.

Quella di Paypal è una scelta, spiegano direttamente dall’azienda attraverso l’amministratore delegato Dan Schulman, dettata dai tempi e dai consumi attuali:

Lo spostamento verso forme di valuta digitale è inevitabile e porterà chiari vantaggi in termini di inclusione e accesso finanziari; efficienza, velocità e resilienza dei sistemi di pagamento e capacità dei Governi di erogare velocemente fondi ai cittadini.

Paypal per diffondere uso cryptovalute

Secondo la piattaforma il fatto che le criptovalute non siano ancora caratterizzate da un uso di massa, dipende dal fatto che vi siano problematiche nei costi e nella velocità delle transazioni e che le stesse siano ancora troppo volatili e quindi percepite come un asset non sicuro.

L’annuncio tanto discusso e atteso di Paypal ha portato, al momento della sua pubblicazione, Bitcoin a superare i 12800 dollari, portando con sé anche Ethereum (salita sopra i 398), Bitcoin Cash (ha raggiunto i 266 dollari) e Litecoin, che ha superato i 55 dollari.

Paypal ha reso noto che al momento dell’integrazione delle criptovalute provvederà a fornire agli utenti materiale utile per comprendere “l’ecosistema delle criptovalute, i rischi e le opportunità legate agli investimenti” nelle stesse e “informazioni sulla tecnologia blockchain“.

È importante non sottovalutare questa decisione di Payapal a prescindere dal momento in cui il servizio sarà disponibile per tutti: la piattaforma in questo modo aumenta sì il suo flusso di transazioni ma dà modo allo stesso tempo di ampliare in maniera sensibile quelle che sono le possibilità dei suoi clienti di imparare a potersi muovere in un campo che per gli stessi potrebbe rivelarsi conveniente.