Analisi Tecnica: nuovo target per l’S&P-Mib

di Redazione Commenta

Da mesi ormai sul mercato Italiano è vietata la vendita short delle azioni di bancari ed assicurativi. Il provvedimento della Consob, che è stato prorogato fino al 31 Maggio 2009, è stato emesso per “fermare la speculazione” ritenuta la causa dei ribassi avuti sui listini.
Da quando le vendite allo scoperto sono state vietate, non vi è stato alcun recupero dei titoli, anzi la situazione si sta deteriorando giorno dopo giorno incessantemente. Viene da chiedersi se, ammesso che ci sia, è veramente la speculazione il male del nostro sistema, oppure se ci sono problemi più grandi e radicati che stanno portando al collasso i listini mondiali.
Ennesima giornata nera sui mercati finanziari, ma nessuna sorpresa per l’analisi tecnica: il trend era negativo e semplicemente viene ri-confermato con una performance rossa del 6,02%.
L’indice S&P-Mib sfonda in apertura i 15100 e sotto il peso delle vendite si porta nel corso della giornata a testare i 14362, chiudendo proprio su questo valore coincidente con i minimi di giornata. Il prossimo target ribassista che avrà funzione di supporto è posto a 14100. Una chiusura di barra giornaliera al di sotto di questo valore lascerebbe pensare a nuove vendite, mentre il livello da monitorare per le posizioni rialziste di breve-medio periodo si sposta sempre più lontano portandosi a 15570, e comunque sarà da considerare solamente dopo l’inversione del Main Trend oppure a rottura di swing che verranno eventualmente creati sul daily al di sotto di tale livello.
Un eventuale rimbalzo intraday potrà verificarsi qual’ora il supporto a 14100 riuscirà a convincere i compratori ad entrare sul mercato, garantendo comunque un rimbalzo fino al test delle medie mobili veloci a 15200, per un’ottica di brevissimo periodo.
I volumi rimangono vicini alla media degli ultimi giorni di contrattazione sul derivato, quindi attualmente non forniscono indicazioni particolari ed anche dall’analisi candlestick si rilevano solamente figure di continuazione allo stato attuale.

Lascia un commento