Piazza Affari: l’apertura del mib dopo il “regime di trasparenza”

L’intervento della Consob sulle vendite allo scoperto tenta di dare una stretta alla speculazione dopo il Venerdì nero delle Borse mondiali.

L’italia, che ha sicuramente “sofferto” più degli altri in quanto a perdite, vara il regime di trasparenza che costringe a comunicare le posizioni allo scoperto proprio alla Consob;

Analisi Tecnica – ancora spazio per scendere

L’azionario Italiano ed Europeo segue quello che sembra ormai confermato essere l’ultimo tracy+1 dell’intermedio in corso; il dubbio che si trattasse del primo di una nuova fase ciclica sparisce con la discesa degli ultimi giorni dove alta volatilità e direzionalità segnano il passo sul Fib costringendo tutta Piazza Affari alla negatività.

Piazza Affari – PMI in forte calo

I titoli della Banca Popolare di Milano non accennano ad invertire la tendenza ribassista che trova l’inizio della sua fase peggiore proprio durante l’ultimo anno.

Dal top di fine 2009 il titolo è costantemente sceso come ben si vede sul grafico daily, tornando sotto i minimi dello stesso anno e raggiungendo negli ultimi giorni nuovi bottom a 1.8250.

Piazza Affari – Campari vicino ai 5.5 Euro

Il valore di Davide Campari sul listino italiano continua a salire dopo aver superato i massimi del 2007 in contro-tendenza rispetto al resto delle Blue-Chips; la forte tendenza rialzista non è stata messa in dubbio un solo mese negli ultimi 2 anni di contrattazioni tanto che dopo un recupero dei massimi storici del il loro aggiornamento, Campari trova ancora la forza di mettere a segno un altro rally alla volta dei 5.5 Euro.

Analisi Tecnica: doppio swing di massimo decrescente

Il Dow Jones Industrial Average disegna i primi segnali di cedimento dalla metà di Marzo, quando la correzione per la chiusura del ciclo intermedio ha costretto l’indice Americano a scendere sotto a 11600 per poi riprendere la via del rialzo.

Ora sul grafico daily vengono a formarsi 2 swing di massimo decrescente (con swing di minimo ugualmente più bassi tra di loro) a segnalare che la tendenza potrebbe cambiare irreversibilmente da un momento all’altro; molto semplicemente bisognerà fare riferimento nei prossimi giorni ai due livelli chiave facilmente individuabili sul grafico.