Piazza Affari: dov’è il problema e perchè l’azionario non deve spaventare

di Francesco Giocondo Commenta

Il Mercato azionario Italiano (che, non ci stuferemo mai di ricordare, è stato comprato dalla Borsa di Londra) con sede “storica” a Milano, se confrontato con il resto delle Piazze Europee risulta essere niente di più che un “mercatino” visti i volumi in gioco. Un confronto ad esempio con il Dax30, oppure il CAC40 francese sia come orari di apertura (per quanto riguarda i derivati) sia per quanto riguarda i volumi di scambio e le proposte sul book fa’ emergere la situazione estremamente precaria ed il disinteresse generale (e storico) verso Milano.

In sostanza quindi i movimenti di Piazza Affari, si al rialzo, sia al ribasso, sono al 90% correlati con il resto dell’Europa (che fa’ comunque riferimento al Dax30) e non frutto di situazioni particolari, a meno di non rientrare in quel 10% di movimenti assolutamente Italiani.

Al momento il mercato cede circa il 3% sull’eventuale reazione degli investitori alle dimissioni programmate del Premier Italiano che, anche se non sono state viste di buon occhio all’estero, non influenzano i mercati ed il Mib continua a seguire fedelmente l’andamento del Dax tedesco e dell’Eurostoxx. Tutte le blue-chips sono in territorio negativo, con Pirelli vicinissima alla parità anche se la sua posizione non permette certo di dire che si tratta di una tenuta fondamentale; abbiamo Mediaset e Lottomatica che cedono oltre l’8%, a seguire Unicredit e Banco Popolare di Milano che cedono circa il 6% mentre Intesa SanPaolo, Enel Atlantia e Fiat Industrial oscillano intorno al 5%.

Inutile quindi ribadire che le aspettative ribassiste che introduce questo secondo ciclo a due giorni che sta chiudendo a formare un doppio minimo con la sua apertura sono estese a tutta l’Eurozona e probabilmente anche oltre oceano, se non fosse che il Dow Jones, per assurdo, vanta una situazione tecnica migliore che potrebbe portare ad una tenuta in caso di ribasso.

Lascia un commento