A2A: cresce il risultato operativo nell’esercizio 2007

di Laura Commenta

centale-elettrica.jpg

L’attività del Gruppo A2A è incentrata su 7 diverse aree: produzione elettricità, vendita elettricità e gas, reti elettricità e gas, teleriscaldamento, ciclo idrico integrato, ambiente. Il gruppo nasce dalla fusione, avvenuta nel 2007 di 3 società: ASM, AEM ed AMSA. Oggi A2A è il 1° operatore nazionale per fatturato nel settore delle Local Utility, il 2° operatore nazionale per capacità produttiva installata ed elettricità venduta, il 3° operatore nazionale per gas venduto e per numero di clienti, il 1° operatore nazionale nel trattamento dei rifiuti e dei servizi ambientali.

Cresce del 6,9% il margine operativo lordo del gruppo AEM, i ricavi salgono a 7.209 milioni di euro, con un incremento di 274 milioni di euro rispetto al 2006. Bene l’attività in campo termoelettrica e idroelettrica, la cui produzione è aumentata del 3,9%, grazie alla nuova centrale di Simeri Crichi, in Calabria, e al pieno funzionamento di quella di Torviscosa. Una buona prestazione che va a colmare il calo nella distribuzione di gas, pari a -5,4%.


Migliora anche il Gruppo ASM, che vede aumentare il proprio margine operativo lordo del 3,7% rispetto all’esercizio 2006 e un incremento dei ricavi del 13,1% fino a quota 2.286 milioni di euro. In questo caso, il bilancio in positivo si deve all’attività in campo elettrico, sostenuta dal nuovo impianto termovalorizzatore di Brescia.

Nel settore dello smaltimento dei rifiuti si sono avuti dei miglioramenti: l’utile netto consolidato del gruppo milanese Amsa è stato di circa 5,6 milioni di euro superiore rispetto a quanto rilevato nell’anno precedente, pari a 3,7 milioni di euro. Positivi anche i ricavi che arrivano a 330 milioni di euro, in crescita di10 milioni di euro in confronto al 2006.
VIA | LaRepubblica

Lascia un commento