AS ROMA: sfuma la trattativa con Soros per l’acquisto della società e il titolo crolla in Borsa

di Redazione 2

Sembra allontanarsi definitivamente la possibilità che George Soros diventi il nuovo proprietario della As Roma. La comunicazione di un ripensamento da parte del magnate statunitense è arrivata ieri a Trigoria. La società giallorossa sembra, dunque, restare in mano ai Sensi nonostante ci sia bisogno di un nuovo proprietario per risanare i conti. Curiosamente però l’avvocato Joe Tacopina, legale di George Soros, è in volo per Roma.

I titoli in Borsa della Roma, dopo l’impennata dei giorni scorsi (+17,11%), sono crollati in seguito alle voci sull’interruzione della trattativa con Soros per l’acquisto.


George Soros, nato a Budapest nel 1930, è uno degli imprenditori più potenti presenti oggi sulla scena internazionale. Non solo: Soros è filosofo, filantropo, finanziere e accanito sostenitore della legalizzazione delle droghe nel mondo. Attualmente è presidente del Soros Fund Management e dell’Open Society Institute. Oltre che per la sua attività speculativa nota in tutto il mondo, Soros è conosciuto anche per il suo essere filantropo. Sin dagli anni ’70 si è adoperato in tal senso, investendo fondi a favore degli studenti di colore dell’Università di Cape Town in Sudafrica. Dal 1980, invece, utilizza il proprio denaro per combattere il socialismo nell’Europa dell’Est, in Cina e in Russia.

Ha ricevuto dottorati di ricerca onorari dalla New School for Social Research (New York), dall’Università di Oxford , dalla Budapest University of Economics, e dalla Yale University . A Soros sono stati inoltre assegnati il premio Yale International Center for Finance Award dalla Yale School of Management nel 2000 e la laurea honoris causa, la più alta onorificenza dell’Università di Bologna nel 1995.

Commenti (2)

Lascia un commento