Merkel si oppone a rapido piano di salvataggio finanziario Grecia

di Redazione 2

Al fine di garantire la stabilità finanziaria nell’area euro, sono allo studio aiuti concreti a favore della Grecia visto che la crisi del Paese dal fronte del debito rischia di mettere in serio rischio la ripresa economica nel Vecchio Continente per effetto anche dell’allargamento degli spread sui titoli pubblici e della svalutazione dell’euro. Ma sul piano di salvataggio della Grecia, attraverso aiuti rapidi ed incisivi, il cancelliere tedesco Angela Merkel, ha espresso la propria ferma contrarietà. Ad affermarlo, citando fonti sia diplomatiche, sia politiche, è stato il giornale inglese “The Guardian”, in virtù del fatto che, secondo la Merkel, la Grecia deve risolvere da sola i suoi problemi. C’è poi da aggiungere che la Grecia non ha sinora chiesto esplicitamente aiuti di natura finanziaria, ma nel frattempo la Banca centrale europea e la Commissione Europea, per risolvere il “caso Grecia”, sembrano fermamente intenzionate a collaborare sia per monitorare l’attuazione del piano di risanamento, sia per redigere quelle che sono state definite come delle “misure aggiuntive“.

Commenti (2)

Lascia un commento