BlackRock aumenta la sua partecipazione in Pirelli

di Redazione Commenta

La composizione azionaria di Pirelli ha subito una lieve modifica. In effetti, BlackRock ha deciso di superare quella che è la cosiddetta “soglia rilevante” e che di solito viene fissata in due punti percentuali: ebbene, la Consob ha prontamente comunicato il cambiamento in questione, mettendo in luce come ora il colosso americano sia in grado di detenere una quota pari al 2,001% della società milanese, celebre soprattutto per i suoi pneumatici e per le attività relative al real estate. La quota del gruppo della Bicocca viene ora posseduta in una sorta di gestione indiretta e di tipo non discrezionale per quel che concerne il risparmio. Non si tratta dell’unica partecipazione rilevante di BlackRock. Quest’ultima, la cui sede ufficiale si trova a New York, è la più grande società di investimento al mondo, tanto da riuscire a gestire un patrimonio in dollari americani davvero imponente; le altre quote che si possono menzionare sono, ad esempio, quelle di Parmalat, Generali, Eni, Finmeccanica, Fondiaria Sai, Mediobanca, Mediaset e Unicredit, tutte comprese tra il 2 e il 5,8%.

NUOVO INVESTIMENTO PIRELLI

Non è nemmeno un caso che questa decisione sia stata presa proprio quando Pirelli ha messo in luce la sua volontà di rafforzarsi. In effetti, l’azienda lombarda sta comprando in modo deciso per potenziare la propria presenza commerciale nei paesi scandinavi e nordici, cercando di sfruttare i maggiori vantaggi di un mercato in cui la produzione di pneumatici invernali è molto più intensa.

PIRELLI IN BORSA RECUPERA TERRENO

D’altronde, i margini di redditività in Svezia, Danimarca, Finlandia e Norvegia sono davvero interessanti, così come le vendite, superiori anche di dieci punti rispetto al settore standard. In questo modo, la presenza di BlackRock all’interno dell’indice Ftse Mib diventa ancora più evidente, anche perché la multinazionale statunitense ha ereditato da Barclays Global Investors tutte queste partecipazioni in società italiane circa tre anni fa.

Lascia un commento