Dimuinuisce il tasso di disoccupazione in Italia ma non al Sud

di Laura 1

italia.jpg

Scende al 6,1% il tasso annuo di disoccupazione (dal 6,8% del 2006) ai minimi rispetto al ’93: la riduzione riguarda soprattutto il Mezzogiorno. Cresce tuttavia il numero degli inattivi in età produttiva: +1,1% la media 2007 su base annua. Aumentano però gli inattivi al Centro (+2,5%) e del Sud (+1,8%). Cosa significa essere “inattivi”? Semplicemente questo termine sta ad indicare che costoro non hanno cercato lavoro. Sempre al Sud, il numero delle donne inattive sale a quasi 4 milioni e mezzo di unità (+1,3%). Quali potrebbero essere le cause? E soprattutto, perché si ha un maggior numero di inattivi al Sud? Trovare una lavoro al Sud non è facile, ecco perché molti giovani preferiscono emigrare al Nord o in altre nazioni, andando così ad incrementare quel fenomeno denominato “ fuga dei cervelli”. Quindi sebbene al Nord si sia avuta una riduzione della disoccupazione, del Sud e le isole non si potrebbe dire lo stesso, possiamo prendere un esempio: i dati Istat del quarto trimestre 2007 confermano, secondo la Cisl, la gravità della situazione occupazionale in Sardegna. Il tasso di disoccupazione si attesta all’11,2% rispetto al 10,6% dello stesso trimestre dell’anno precedente e quello di occupazione, sempre per i due trimestri considerati, si porta nel 2007 al 52% rispetto al 52,9% del 2006.


Dire che il tasso di disoccupazione in Italia è sceso dal 6,3% al 6,1% non da’ una visione chiara della situazione, bisognerebbe piuttosto parlare di disoccupazione al Nord e tasso di disoccupazione al Sud. Le differenze ci sono e il primo modo per arginare il divario tra Nord e Sud dovrebbe essere proprio quello di identificare con chiarezza il problema per prendere misure più mirate.

Commenti (1)

Lascia un commento