Crisi auto, la Francia stanzia 6,5 miliardi di euro per Renault e Peugeot

di Redazione Commenta

La crisi del mercato delle auto continua a farsi sentire e i governi di tutti i Paesi cercano di correre ai ripari per salvare il salvabile. Il Governo francese, ad esempio, ha approvato il maxi piano anti-crisi a sostegno del settore automobilistico travolto dalla forte crisi. Il piano, presentato ieri ai costruttori francesi dal presidente Sarkozy, prevede lo stanziamento di circa 8 miliardi di euro a favore dell’industria automobilistica. 6,5 miliardi di euro andranno a rimpinguare le casse di Psa Peugeot Citroen, Renault, a cui sono stati assegnati 3 miliardi di euro ciascuno e Renault Trucks, che beneficierà di 500 milioni di euro.


Nello specifico, gli aiuti consistono in prestiti a tasso agevolato, dimezzato rispetto a quello di mercato. Le aziende, infatti, potranno usufruire di crediti, rimborsabili in 5 anni, con un tasso pari al 6% contro quello del 10-12% praticato normalmente dalle banche. In cambio, il governo francese chiede alle aziende l’impegno a non delocalizzare la produzione e a non chiudere gli stabilimenti nel Paese. Soddisfatto dell’accordo il presidente Nicolas Sarkozy che riguardo all’impegno assunto dalle aziende francesi dichiara:

è apprezzabile poichè ci assicura che una crisi acuta non distruggerà una parte importante della nostra base industriale e delle nostre competenze nel settore automobilistico.

Il nuovo piano d’intervento francese prevede anche il raddoppio, da 1 a 2 miliardi di euro, delle risorse delle società finanziarie di Peugeot e Renault e, da 300 a 600 milioni di euro, delle risorse del fondo d’investimento per i fornitori e i sub-fornitori. Il Governo francese, inoltre, ha raggiunto un accordo con le case automobilistiche per aumentare la retribuzione oraria dei lavoratori in cassa integrazione che riceveranno, così, 1,75 euro l’ora contro gli attuali 1,50. L’accorso, che durerà tre mesi e potrà essere rinnovato solo una volta, prevede anche l’impegno da parte delle aziende di organizzare corsi di riqualificazione professionale.

Lascia un commento