AAA o CCC? Rating: stabilità economico-finanziaria-patrimoniale di un’azienda

di Laura 4

Molte volte nel gergo finanziario, specialmente nel mondo bond (obbligazioni), si sente parlare di rating ma non sempre se ne comprende totalmente il significato. Per capire di cosa si tratta pensiamo a un risparmiatore che desidera investire il suo più o meno grande gruzzoletto acquistando titoli di un’azienda. L’acquisto di un titolo obbligazionario sarà preceduto da un’accurata analisi delle condizioni di stabilità economico-finanziaria-patrimoniale di chi lo emette, esattamente come fa l’ufficio fidi di una banca prima di concedere un finanziamento a una impresa o a un privato.

Purtroppo la mancanza di tempo, di informazioni e più semplicemente la non totale padronanza con bilanci o dati contabili fa si che la maggioranza degli investitori non disponga delle risorse sufficienti per svolgere l’analisi del merito di credito della società emittente le obbligazioni che si apprestano ad acquistare.


Per tale ragione sono nate le agenzie di rating, società specializzate in questi studi che come attività principale hanno proprio quella di analizzare la solidità finanziaria di queste imprese. Il rating è una valutazione della capacità di un soggetto di far fronte puntualmente al pagamento dei propri debiti. Esprime quindi il grado complessivo di solvibilità ed affidabilità finanziaria di un soggetto. La valutazione, che è espressa da una speciale agenzia indipendente ed esterna rispetto al soggetto valutato, si concretizza in un giudizio sintetico che riflette la classe di merito del soggetto stesso. Il rating è direttamente accessibile a tutti gli operatori ed è caratterizzato da un valore segnaletico immediato e univoco, che rende confrontabili i profili di rischio riferibili ai vari soggetti valutati.

La scala internazionale che esprime il giudizio sintetico di rating è formata dalla combinazione di più lettere in cui la lettera A è utilizzata per esprimere il giudizio più elevato e la lettera C il giudizio più basso. In particolare la tripla A (AAA) esprime il massimo giudizio astrattamente attribuibile ad un operatore economico ed è quindi espressione della massima qualità creditizia, mentre la lettera C ripetuta tre volte esprime l’esistenza di una considerevole incertezza rispetto al pagamento puntuale dei debiti.

Commenti (4)

Lascia un commento