La Parmalat è stata travolta da un crack finanziario scoppiato alla fine del 2003, che l’ha costretta a dichiarare bancarotta. Con decreto del Ministero delle Attività Produttive gran parte delle Società del Gruppo sono state ammesse alla procedura di amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi e il Dr. Enrico Bondi è stato nominato Commissario straordinario. Il fallimento della Parmalat è costato l’azzeramento del patrimonio azionario ai piccoli azionisti, mentre i risparmiatori che avevano investito in bond hanno ricevuto solo un parziale risarcimento. Il Tribunale di Parma dichiarò insolventi le società nominando Giudice Delegato il Dr. Vittorio Zanichelli e con tali sentenze, furono fissate le date per il deposito delle domande di insinuazione e per la verifica dei crediti. Grazie al cosiddetto decreto “salva-imprese”, Parmalat fu salvata dal fallimento e la sua direzione fu affidata come già detto all’amministrazione straordinaria di Enrico Bondi, che ha risanato parzialmente i conti (pur dovendo ancora rispondere completamente alle richieste di risarcimento dei vecchi risparmiatori). Successivamente gli obbligazionisti hanno visto le loro obbligazioni convertite in azioni Parmalat di nuovo tipo, quotate alla Borsa di Milano.


In questi giorni sembra ripetersi parte dell’evento: coloro che hanno prestato denaro a Parmalat ora hanno ricevuto azioni del Gruppo. A seguito del procedimento di accreditamento delle azioni ai creditori di Parmalat, il capitale sociale e’ aumentato di 1.596 euro passando da 1.667.496.728 euro a 1.667.498.324 euro. L’aumento e’ dovuto all’assegnazione di 1.596 azioni. Lo si apprende da una nota.

Non è un bel periodo per Parmalat neanche in Borsa. Da inizio anno la performance è negativa del 30%. Le ragioni del ribasso sono da attribuirsi in buona misura all’andamento dei mercati azionari ma anche ai risultati trimestrali, inferiori alle attese. Nei primi tre mesi dell’anno il gruppo emiliano ha conseguito ricavi pari a 926,9 milioni di euro, in crescita del 6,7%, rispetto agli 868,7 milioni di euro di marzo 2007 ma un Ebitda in flessione a 63,9 mln di euro rispetto ai 75,2 mln di euro al 31/03/07.

Lascia un commento