Mediaset rating ridotto da Deutsche Bank a hold

di Redazione Commenta

Torna sotto i 2 euro il titolo Mediaset, che a Piazza Affari arretra dell’1,64% a 1,985 euro. A pesare sulle azioni della società televisiva di Cologno Monzese è la riduzione del rating da parte di Deutsche Bank, che solo un mese fa aveva promosso il titolo. La banca tedesca ha portato la sua raccomandazione a “hold” (tenere le azioni in portafoglio), mentre il precedente giudizio era “buy” (comprare le azioni). Il downgrade ha pesato molto sul titolo soprattutto a inizio seduta, provocando una repentina discesa fino a 1,933 euro.

Venerdì le azioni Mediaset avevano superato la soglia psicologica di 2 euro, spingendosi fino a 2,164 euro sui livelli più alti da marzo 2012. Deutsche Bank ha deciso però di aumentare il target price a 2,3 euro dalla precedente valutazione di 2 euro. Secondo gli analisti della banca teutonica il recente rally del titolo in borsa ha ridotto sensibilmente i margini di crescita del titolo. Inoltre, secondo Deutsche Bank, le azioni Mediaset non dovrebbero apprezzarsi troppo prima delle elezioni di fine febbraio.

MEDIASET: TITOLO VALE 2€ SECONDO DEUTSCHE BANK

Il 10 dicembre scorso la banca tedesca aveva alzato il rating a buy, dichiarando che il mercato della pubblicità in Italia avrebbe avuto maggiori possibilità di ripresa rispetto ad altri paesi europei. Ora, però, Deutsche Bank ha deciso di fare un passo indietro. Dal giorno in cui DB promosse Mediaset, le azioni della società controllata dalla Fininvest sono passate da 1,4 euro circa a 2,164 euro per un guadagno del 54% in poco più di un mese. Mediaset annuncerà i risultati del primo trimestre del 2013 il prossimo 26 marzo. Deutsche Bank non si aspetta miglioramenti rispetto all’ultimo quarter del 2012.

MEDIASET: TARGET PRICE ALZATO DA BERENBERG A 2,6€

Nel quarto trimestre 2012 la raccolta pubblicitaria è stata negativa per il 15-20% e le cose potrebbe essere anche leggermente peggiori nel primo trimestre del 2013. Inoltre, secondo gli esperti di Deutsche Bank le imminenti elezioni politiche potrebbero generare un aumento dei costi con conseguente impatto negativo sul bilancio. Secondo la banca tedesca, in caso di joint-venture nella pay-tv con un big internazionale, il titolo Mediaset avrebbe un target price di 2,7 euro.

Lascia un commento