Introduzione al Forex

di Redazione Commenta

forex-555.jpg

Il mercato Forex, termine derivante dalla contrazione di Foreign Exchange, detto spesso anche FX, è il più vasto, liquido e trasparente mercato finanziario nel Mondo. Il volume d’affari medio supera 2 mila miliardi di dollari giornalieri, mentre l’insieme dei mercati azionari statunitensi non raggiunge il 3% del totale scambiato sul Forex. A differenza degli altri mercati finanziari dalla maggior parte dei quali si può trarre profitto solo quando sono in rialzo, nel Forex un trader può aprire simultaneamente una posizione long (di acquisto) su una valuta e short (di vendita) su di un’altra, il che significa che contrariamente ad altri mercati finanziari, il Forex offre opportunità di guadagno molto più numerose.

Concetti di base

L’operazione di Foreign Exchange consiste nel scambio simultaneo di una valuta in un’altra. Poiché le valute vengono scambiate in coppia per guadagnare su un determinato tasso di cambio si deve comprare la valuta che ci si aspetta in rialzo e vendere l’altra. Ad esempio se si crede che l’euro (EUR) aumenterà nei confronti del dollaro (USD) si dovranno comprare EUR/USD, in altre parole compri euro e vendi dollari. Al contrario, se si crede che l’euro arretrerà rispetto al dollaro allora si venderanno EUR/USD cioè vendere euro e comprare dollari. E’ chiaro che non è necessario aspettare che il mercato sia in rialzo per guadagnare; in qualsiasi momento una valuta cresce rispetto ad un’altra. Il Forex produce quindi continue opportunità di investimento.

Chi opera nel Forex?

Possiamo definire due categorie di trader: gli hedgers e gli speculatori. Tra i primi abbiamo alcuni enti governativi, società di import/export e investitori abitualmente esposti ad un “rischio di cambio”. Un andamento negativo tra la loro valuta rispetto alla valuta estera della controparte in affari (nello scambio di beni e servizi) può danneggiarli notevolmente. Questi rappresentano il nucleo del Forex trading benché costituiscano soltanto il 5% del mercato attuale.
Poi abbiamo gli speculatori, un gruppo costituito da banche, fondi, società FOREX o privati che creano una esposizione artificiale in valuta per trarre profitto dalle variazioni o dai movimenti di prezzo.

Coppie di valute

Ciascuna valuta è indicata con una sigla di 3 lettere. Le valute sono scambiate in coppia e visualizzate come tali. La prima valuta visualizzata è quella “base” o “guida” o “valuta primaria”; la seconda si riferisce alla “valuta secondaria“. La “coppia di valute” è seguita da un numero, in genere composto da cinque cifre. Il numero rappresenta il rapporto di una valuta nei confronti di un’altra, e può essere letto come “l’ammontare della seconda valuta necessario per avere una unità della valuta principale”.

Bid / Ask o Buy / Sell

La coppia di valute è sempre seguita da due numeri, il primo ha un valore inferiore rispetto al secondo. La prima cifra è conosciuta con il nome di “Bid” o anche “Sell” (prezzo di vendita) mentre la seconda è nota con il nome di “Ask“, “Offer” o “Buy” (prezzo di acquisto). Il numero più piccolo Bid (Sell) rappresenta quel prezzo a cui è possibile vendere la valuta principale e comprare la valuta secondaria. Il secondo prezzo, Ask (BUY) rappresenta il prezzo con cui si comprare la valuta principale e vendere la valuta secondaria.

Lascia un commento