Wall Street chiude in rialzo

di Redazione Commenta

bull.jpg

Gli indici statunitensi di nuovo in rialzo grazie all’annuncio diffuso riguardo un piano voluto da banche volto a stabilizzare il problema della liquidità del sistema bancario. Per quel che riguarda le imprese, General Electric mostra segnali di crescita progressiva soprattutto a seguito di un’attenta valutazione del proprio operato e dopo aver annunciato un progresso dell’11% nei propri ricavi. In ambito sanitario la Cooper, leader nella fornitura di apparecchiature mediche, subisce un calo del 7% dopo la pubblicazione di un dossier trimestrale in cui i bilanci risultano nettamente inferiori alle attese.


Infine il colosso Coca-Cola Enterprises si attesta al 6% circa dopo aver volto al positivo le proprie prospettive di guadagno per l’esercizio in corso. Sul fronte dell’economia il Dipartimento del Commercio ha annunciato per il mese di Novembre un rialzo dei prezzi d’importazione del 2,7%, la progressione più alta registrata negli ultimi 17 anni e che supera comunque almeno del 2% rispetto ai pronostici degli stessi operatori. In parallelo lo stesso Dipartimento ha evidenziato che il deficit commerciale è avanzato a 57,8 miliardi di dollari a del mese di ottobre contro i 57,1 miliardi di Settembre e i 57,4 miliardi di dollari attesi proprio dagli economisti.

Sui mercati valutari il dollaro chiude la sessione in modo difforme mentre la valuta europea chiude la sessione in crescita, sopra l’1.47, a 1,4702 contro il precedente 1.4656. Lo yen perde terreno scendendo nuovamente sotto la soglia dei 111 yen, 111,89 yen per dollaro contro i 110,69 di martedì. Sui mercati azionari i tassi registrano una contrazione a seguito dell’annuncio del piano di rifinanziamento a breve termine deciso dalle banche centrali. Il mercato petrolifero chiude la sessione in rialzo in seguito alla pubblicazione delle statistiche.

Il costo del WTI (West Texas Intermediate) al barile sul New York Mercantile Exchange chiude in rialzo e passa la soglia dei 94 dollari al barile, attestandosi a 94,39 dollari contro i precedenti 90,02 dollari.

Lascia un commento