Bilancio Banco Popolare 2011

Banco Popolare ha recentemente approvato il bilancio d’esercizio 2011. Dati economici e patrimoniali particolarmente contrastanti, che la società ha conseguito in un contesto nazionale e internazionale non certo agevole per il settore degli istituti di credito.

Tra i principali elementi di spicco, si segnala presenza di un incremento del core tier 1: l’indice patrimoniale ha infatti toccato quota 7,1 punti percentuali, con un apprezzamento di 140 punti base rispetto a inizio anno, e con un incremento di 60 punti base rispetto al 30 settembre 2011. Post riacquisto passività subordinate, il livello del core tier 1 è salito a quota 7,3 punti percentuali.

Per quanto concerne gli altri elementi di bilancio, sottolineiamo la presenza di un utile netto pre impairment degli avviamenti a 574 milioni di euro, contro i 308 milioni di euro del 2010, con un apprezzamento su base annua dell’86,4%. Il risultato netto contabile post impairment degli avviamenti è invece stato negativo per 2,257 miliardi di euro.

Sostanzialmente in linea con l’esercizio precedente è il margine di interesse (- 0,3%), fermatosi a quota 1,810 miliardi di euro, mentre gli altri proventi operativi si dimostrano in forte crescita (+ 8% a 2,014 miliardi di euro). In calo di 1,7 punti percentuali gli oneri operativi, che hanno sforato i 2,4 miliardi di euro, successivamente alla spesa integrale dei costi per l’incentivazione all’esodo. Altri costi straordinari per 74 milioni di euro.

YOUBANKING, IL CONTO DEPOSITO CHE PIACE AI CLIENTI

Il risultato della gestione operativa mostra così un chiaro miglioramento, avanzando di 11 punti percentuali a 1,41 miliardi di euro. Il risultato lordo dell’operatività corrente balza invece a 561 milioni di euro contro i 178 milioni di euro del 2010.  Commercialmente, gli impieghi sono cresciuti di 0,4 punti percentuali, di cui famiglie + 9,4 punti percentuali e piccole imprese + 1,5 punti percentuali, confermando pertanto una tendenza più dinamica nelle erogazioni ai privati consumatori, piuttosto che alle attività professionali e commerciali.

PREVISIONI TITOLO BANCO POPOLARE DOPO BILANCIO 2011

Lascia un commento