Imprenditori del Centro-Sud pronti a rilevare Alitalia?

di Redazione 1

Che fine farà Alitalia? Il finanziere Fabio Verna sta lavorando, su incarico del premier Berlusconi, alla formazione della cordata italiana per la privatizzazione dell’ex compagnia di bandiera dichiarando:

C’è un gruppo di imprenditori del Centro-Sud Italia che sarebbe interessato a rilevare il settore cargo di Alitalia.

L’operazione va vista all’interno del frazionamento di rischio al quale starebbe lavorando Intesa Sanpaolo e sarebbe realizzata attraverso la costituzione di una Newco, partecipata dagli imprenditori interessati ad acquisire la divisione.


Tuttavia in Italia non c’è nessun imprenditore che investirebbe singolarmente 3 miliardi di euro, necessari al rilancio dell’aviolinea, per cui il ruolo predominante nel salvataggio lo avrà il vettore internazionale. Possibile anche, in un secondo momento, l’ingresso nell’azionariato di Intesa Sanpaolo, oggi advisor, e di fondi d’investimento internazionali. La favorita resta ancora Air France-Klm:

Non credo che la compagnia franco olandese sia fuori dai giochi. È chiaro che lo scenario è cambiato rispetto alla privatizzazione alla quale ha lavorato il governo Prodi. Nel nuovo schema Air France entrerebbe con una quota del 10-15% con un esborso di circa 300 milioni di euro e non più 3 miliardi. Per quanto riguarda il problema del caro carburante Verna continua: In un contesto come quello odierno è vero che una compagnia spende molto di più per il carburante ma proprio in questa ottica sarebbe conveniente trovare sinergie.

Secondo Verna, quindi, nel futuro assetto di Alitalia, accanto al partner internazionale (al 10-15% dell’ex compagnia), ci sarebbe la cordata italiana con una partecipazione del 20%, pari a un investimento di circa 600 milioni, mentre AirOne avrebbe un ruolo di partner industriale e non di finanziatore.

Commenti (1)

Lascia un commento