Petrolio scende a Maggio 2012

La differenza di prezzo tra il mercato dei “raffinati” (benzina e gasolio) ed il mercato finanziario legato al petrolio pure aumenta ancora dopo il crollo di quest’ultimo sul mercato USA. Nei mesi precedenti, nell’Eurozona è iniziata una fase di aumento dei carburanti dovuto unicamente ad accise applicate dai Governi in carica. Non esiste infatti una ragione “finanziaria” che possa giustificare l’aumento della benzina e del gasolio, ed anzi se il mercato “retail” seguisse il mercato finanziario allora quello che dovremmo registrare alle pompe sarebbe un drastico calo del prezzo al litro.

Il top assoluto annuale del 2012 è stato registrato tra la fine di febbraio scorso e la fine di marzo 2012; il prezzo del future legato all’andamento del Crude Oil si aggirava in prossimità dei 110 $ al barile e le aspettative degli analisti erano ancora fortemente rivolte a target rialzisti ambiziosi, che miravano al recupero dei livelli raggiunti con la precedente bolla speculativa.

PREZZO PETROLIO POTREBBE TORNARE A SALIRE NEL 2012 SECONDO L’AIE

Dall’ultimo top relativo del primo maggio scorso però la situazione è nettamente cambiata; le aspettative rialziste hanno lasciato velocemente spazio ad un ritracciamento sul grafico daily che nel giro di due giorni ha portato il prezzo del crude oil dal top relativo prossimo a 106 fin sotto quota 100 $ per barile. La corsa ribassista ha proseguito poi più lentamente nei giorni a venire fino ad oggi, con il book di negoziazione che sfiora quota 91.90 per poi riprendersi timidamente per il close settimanale.

Nei prossimi giorni un rialzo fino a quota 94.55 è ancora contemplato dal down-trend, ma questo non sarebbe un cambio di direzione; si tratterebbe di una nuova occasione di vendita, a meno che il prezzo del petrolio non riesca a superare questa resistenza invertendo la spirale ribassista in cui è inserito. La perdita in giornata di quota 91.90 $ invece negherà ogni rialzo nei primi giorni della prossima ottava.

PREVISIONI PETROLIO WTI MAGGIO 2012

Lascia un commento